I dispositivi Android sono dotati di un sistema di comando vocale – che dalla fine del 2017 è stato reso  disponibile anche il lingua italiana – che facilita l’attivazione di numerose funzioni dello smartphone o del tablet.

L’assistente virtuale di Android altro non è che il Google Assistant che si avvia tramite il comando vocale Ok Google. L’assistente vocale oltre a facilitare le ricerche, è dotato di un sistema di intelligenza artificiale  tale che gli permette di interagire con l’utente proprio come una vera e propria conversazione. L’assistente Google trova la sua diretta “concorrenza” in Siri (sviluppata da Apple) e Cortana (Microsoft). L’assistente Google è compatibile con gli smartphone Android nella versione superiore a 5.0, quindi con sistemi operativi pari o superiori a Android 7.0, Nougat A 6.0, Marshmallow e Oreo.

Ok Google per sistemi Android e iOS

Immagine usata nell'articolo Voice Match: guida all’attivazione dell'

L’innovazione introdotta dagli sviluppatori di Google Assistant – e che ha messo le ali al successo di questo assistente vocale – è che può essere attivato e configurato non solo per i dispositivi Android, ma anche per i dispositivi Apple con sistema operativo iOS, potendo quindi utilizzare il comando Ok Google e Hey Google al posto di “Hey Siri” della Apple. I comandi vocali si attivano pronunciando al microfono dello smartphone o tablet semplicemente la parola d’ordineOk Google” e con questa si può avviare una conversazione, una ricerca oppure dare dei veri e propri comandi come per esempio alzare o abbassare il volume del dispositivo, impostare una sveglia, inviare un messaggio WhatsApp, chiedere di aprire l’app di musica e ascoltare la propria playlist, richiedere la lettura degli eventi segnati sull’agenda o in calendario e molti altri comandi la cui lista completa è disponibile sul sito di Google dedicato all’assistente vocale. L’assistente vocale è disponibile non solo su smartphone e tablet, ma anche su tutti i dispositivi di nuova generazione come gli smart speaker e gli apparecchi domotici sempre più presenti e popolari nelle abitazioni degli italiani. 

I requisiti minimi per poter utilizzare i comandi vocali sono:

  • Per i dispositivi Android, un sistema operativo 5.0 o superiore;
  • Per i dispositivi Apple con sistema operativo iOS, l’installazione dell’app ufficiale di Google nella versione 3.5 o superiore;
  • Bisogna attivare i comandi vocali tramite le impostazioni dell’account Google utilizzato.

Se si riscontrano difficoltà con i sistemi operativi Android o iOS, la prima cosa da fare è aggiornare i firmware all’ultima versione possibile. 

Come effettuare il Voice Match

Per utilizzare OK Google occorre prima attivare i comandi vocali ed effettuare il Voice Match, ovvero il riconoscimento vocale, procedendo come segue:

  • Aprire l’app di Google;
  • Premere (tap) in basso sul menù (con le tre linee o punti orizzontali);
  • Premere (fare tap) su “impostazioni”;
  • Individuare sul menù “Voce”> Identificazione Vocale.
  • Attivare la voce “Dì Ok Google” spostando la leva da sinistra a destra con il dito. La spiegazione sotto questa voce è la seguente: «quando dici “OK Google” il dispositivo riconosce la tua voce anche mentre utilizzi le tue app preferite».
  • Dopo aver attivato la voce “OK Google”, premere sull’icona del microfono per aprire una finestra in sovrimpressione pronta a catturare la tua voce;
  • Pronunciare in modo chiaro e deciso “OK Google” in prossimità del microfono del dispositivo.

Il Voice Match e l’attivazione di OK Google è così terminata. È anche possibile sbloccare il dispositivo tramite il comando OK Google, ma occorre avere sempre acceso il microfono del dispositivo e attivare la voce “Sblocca con l’identificazione vocale” sempre accedendo al menù delle impostazioni> Voce> Identificazione Vocale>Sblocca con l’identificazione vocale (la cui descrizione è «Consenti lo sblocco del dispositivo tramite Ok Google quando il suono corrisponde al tuo modello vocale».

Su dispositivi iOS

I comandi vocali di iPhone e iPad sono gestiti dall’assistente vocale preinstallato Siri della Apple, ma se lo si ritiene impreciso o semplicemente si preferisce utilizzare Google, è possibile attivare OK Google anche sui sistemi iOS: è sufficiente scaricare l’app ufficiale di Google e avere un dispositivo che rispetti i requisiti minimi. Per procedere all’attivazione di OK Google su sistemi iOS occorre:

  • Effettuare l’accesso all’account Google;
  • Aprire l’app di Google;
  • Premere in alto a sinistra sull’icona dell’account Google;
  • Premere sul tasto menù e individuare la voce “Ricerca vocale”;
  • Da questa schermata si possono attivare i comandi vocali di Google attivando la voce “Hotword OK Google” per mettere in funzione tutti i comandi vocali all’interno dell’app di Google, nella schermata home e mentre si utilizzano le altre applicazioni.

Ora, pronunciando OK Google si potranno gestire tutte le attività utilizzabili con i comandi vocali anche su iPhone e iPad affiancati a quelli disponibili di default con Siri, infatti i due sistemi sono compatibili e coabitano sullo stesso dispositivo, anche perché Siri non si può né disattivare né disinstallare dal momento che è un’app di default per i sistemi iOS: è decisamente un vantaggio poter utilizzare ben due assistenti vocali per ottenere il massimo dell’efficienza dai propri dispositivi smart.

Di seguito ti riportiamo alcune ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Google Pixel 4a 14,7 cm (5.8") 6 GB 128 GB 4G USB Tipo-C Nero Android 10.0 3140

Prezzo su Amazon.it: €477,00
Compra su Amazon

Google Assistant Vocal Nest Hub Galet

Prezzo su Amazon.it: €87,00
Compra su Amazon

Xiaomi Mi TV Stick, FHD, Android TV 9.0, Telecomando Bluetooth, HDMI, Media Playe

Prezzo su Amazon.it: €31,99

Cosa fare se Ok Google non funziona

Come abbiamo visto finora, l’attivazione e il funzionamento di "Ok Google" sul nostro smartphone è davvero semplice. O almeno dovrebbe. Tuttavia, non sempre l'assistente digitale intelligente ci ascolta ed esegue o nostri ordini. Cosa dovremmo fare, allora, se il Voice match non vuol saperne di funzionare? Vediamo caso per caso.
Il primo suggerimento di base è verificare sempre che Google Assistant sia davvero attivo sul nostro dispositivo. Come fare? In poche e semplici mosse: apriamo l’App di Google, clicchiamo su “altro” ed entriamo nelle impostazioni. Da qui scegliamo Voce e di seguito Voice Match, ripetiamo tre volte Ok Google e, infine, selezioniamo l’accesso con Voice Match per far funzionare l’assistente vocale anche a schermo spento o durante l’utilizzo di altre applicazioni. Se questo non funziona, il passo successivo è assicurarci di aver selezionato la giusta lingua dell’assistente vocale, ovvero l’italiano. Possiamo farlo sempre dalle impostazioni dell’App Google, entrando in voce e poi in lingue. Un ulteriore passaggio è l’aggiornamento dell’applicazione dal Play Store.
Se fin qui nulla è cambiato, proviamo a questo punto a impostare nuovamente il modello vocale. Apriamo l’applicazione, accediamo nelle impostazioni e in “voce” e dai entriamo in Voice match e nel modello vocale eliminando prima l’esistente e poi registrando il nuovo comando. Attenzione però, perché il problema potrebbe anche essere il microfono dello smartphone che non funziona come dovrebbe. Come verificarlo? Anche in questo caso Google ci aiuta, dall’applicazione dovremmo visualizzare l'icona colorata che rappresenta, appunto, il microfono. Se vediamo un linea tratteggiata potrebbe indicare che sussiste un problema. A volte sono le app attive, quindi cerchiamo di disattivare tutto ciò che corre anche in background e riproviamo. Un altro passo, a questo punto, è il buon vecchio medio del riavvio, sempre buono. Specialmente con il sistema Android, il riavvio del dispositivo è una rapida soluzione a molti problemi. Se l’assistente vocale non funziona e abbiamo già controllato quanto elencato sopra, è arrivato il momento fatidico di spegnere e riaccendere lo smartphone. Ultima opzione disponibile, qualora nemmeno il riavvio fosse davvero efficace per far sbloccare la situazione di impasse con Ok Google, è l’utilizzo dell’aiuto dell’applicazione. A nostra disposizione abbiamo il forum ufficiale di Google e se non riusciamo a risolvere nemmeno in questo modo possiamo decidere di inviare a Google un feedback in modo diretto. Basta aprire l’applicazione, cliccare di nuovo su altro e poi su “Invia feedback”. Qui possiamo descrivere il problema che stiamo riscontrando, magari supportato da screenshot e inserendo informazioni sul modello del dispositivo utilizzato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Domotica Arduino: ecco come realizzare un impianto

domotica arduino

“Domotica Arduino” è una piattaforma innovativa che consente di effettuare la progettazione della propria casa domotica. Specificatamente si tratta di un software particolare che aiuta a programmare alcuni dispositivi, come ad esempio, lo strumento per controllare l’accensione e lo spegnimento delle luci in un appartamento o in un’azienda.

Google speed test: cos’è, come funziona e a chi serve davvero?

Google speed test

Capita di avere dei rallentamenti di connessione durante la navigazione che possono dipendere dalla rete o da svariate altre cause. È, a volte, necessario effettuare uno speed test o test della velocità per capire se esiste un rallentamento reale della trasmissione dati. Uno dei misuratori più affidabili è lo il Google speed test.

Copertura della Fibra ottica in Italia: scopri la verità

Immagine per l'articolo

Gli obiettivi del Governo Italiano e dell’Agenda digitale Europea, per quanto riguarda la Strategia per labanda ultralarga, sono di coprire entro il 2020, l’85% del territorio Italiano e di raggiungere la popolazione con servizi che abbiano una velocità di trasmissione dati pari e superiori a 100Mbps e di garantire alla totalità degli italiani di poter accedere ad Internet almeno alla velocità di 30Mbps. Il finanziamento per Strategia per la banda ultralarga viene da...

Amazon cloud drive: le tariffe. Fine allo storage gratuito illimitato

amazon cloud drive

Il sogno di avere un “magazzino” infinito dove depositare gratuitamente foto, documenti, video, file musicali e molto altro si è infranto a giugno 2017, quando Amazon ha annunciato che il suo cloud storage non è più illimitato e gratuito.

Bonus Smart Working: cos’è e come fare richiesta per ottenerlo

bonus smart working

Anche nel 2021, come già nel 2020, lo Stato Italiano ha riservato ai lavoratori, ai proprietari di imprese ai liberi professionisti e a determinate categorie di lavoratori diversi incentivi e bonus che si possono ottenere, facendo richiesta sugli appositi portali. Naturalmente, quando si decide di inviare richiesta bisogna prima assicurarsi di possedere i requisiti necessari per poter ottenere il bonus.

Accedi a Facebook quando sei bloccato: è possibile?

accedere-facebook-bloccato.jpg

Facebook è il social network di punta, a cui è possibile accedere ogni giorno da tutte le postazioni dotate di connessione internet, per controllare ed intensificare le interazioni coi nostri amici. È pur vero che da semplice svago, Facebook è diventato una specie di droga per molti, che anche durante le ore di lavoro o durante i corsi scolastici, non possono fare a meno di accedere al proprio profilo per rimanere aggiornati sugli ultimi eventi.

I più condivisi

Vocabolario di Latino online, uno strumento davvero utile

dizionario-latino-online.png

Può capitare qualche volta di dover tradurre una porzione di versione di Latino oppure una semplice frase, ma non avere la preparazione scolastica di base adeguata oppure il tempo necessario per fare tutto questo. In tal caso, ancora una volta, internet e la sua tecnologia possono dare un aiuto importante, grazie all’uso di un dizionario di Latino online. Infatti, come vedremo, di questo genere di vocabolari ne esistono di varie tipologie e la maggior parte di semplicissimo utilizzo.

Convertitore mp3 online, ecco di cosa si tratta

convertitore-mp3-online.png

Alcune persone amano sentire della musica in alcuni momenti della giornata, soprattutto quando ci si trova sui mezzi pubblici o ci si rilassa durante una passeggiata, attraverso vari dispositivi elettronici. E per potervi inserire dei brani musicali, magari scaricati dal web, si necessita di un convertitore mp3 online, che consenta di convertirli appunto in una modalità facilmente leggibile da qualsiasi sistema elettronico e così poterli ascoltare ovunque ci si trovi e quando si desidera.

Speed Test ADSL Alice: ecco come fare

Se ci sono problemi tecnici sulla linea ADSL Telecom (Tim) o si desidera sottoscrivere un piano ADSL Alice ma non si è sicuri che la propria zona di residenza sia coperta dal servizio, è possibile effettuare un test di misurazione della velocità di rete, ovvero uno speed test ADSL Alice. Il test si può fare in completa autonomia e tramite alcuni diversi strumenti anche online senza la necessità di scaricare alcun software specifico o installare programmi aggiuntivi. Prima di avviare la misurazione occorre accertarsi che sul PC non siano in funzione software, cosiddetti P2P, ovvero gli uTorrent oppure eMule, che tendono a rallentare molto l’esperienza di navigazione, così come è bene assicurarsi che non vi siano altri dispositivi collegati che stiano in fase di download o upload perché questo potrebbe ovviamente falsificare i risultati.

Speed test ADSL Telecom: misura la velocità della tua connessione

Capita a volte che per cause diverse si possano verificare dei rallentamenti nella connessione di rete. Vi sono degli strumenti digitali e online che permettono di misurare lo stato e la velocità di connessione. In particolar modo se possiedi una connessione ADSL o fibra di (ex)-Telecom – oggi TIM - si può effettuare uno speed test dell’ADSL Telecom. I misuratori di velocità online sono facili da utilizzare e in pochi secondi e gratuitamente forniscono un dato certo e affidabile sulla velocità di connessione in download e upload che si tratti della linea domestica o dell’ufficio. Capire la performance della propria rete di navigazione internet può semplicemente servire per soddisfare una curiosità oppure essere un valido strumento per valutare l’opportunità di cambiare gestore di rete o internet provider.