I dispositivi Android sono dotati di un sistema di comando vocale – che dalla fine del 2017 è stato reso  disponibile anche il lingua italiana – che facilita l’attivazione di numerose funzioni dello smartphone o del tablet.

L’assistente virtuale di Android altro non è che il Google Assistant che si avvia tramite il comando vocale Ok Google. L’assistente vocale oltre a facilitare le ricerche, è dotato di un sistema di intelligenza artificiale  tale che gli permette di interagire con l’utente proprio come una vera e propria conversazione. L’assistente Google trova la sua diretta “concorrenza” in Siri (sviluppata da Apple) e Cortana (Microsoft). L’assistente Google è compatibile con gli smartphone Android nella versione superiore a 5.0, quindi con sistemi operativi pari o superiori a Android 7.0, Nougat A 6.0, Marshmallow e Oreo.

Ok Google per sistemi Android e iOS

Immagine usata nell'articolo Voice Match: guida all’attivazione dell'

L’innovazione introdotta dagli sviluppatori di Google Assistant – e che ha messo le ali al successo di questo assistente vocale – è che può essere attivato e configurato non solo per i dispositivi Android, ma anche per i dispositivi Apple con sistema operativo iOS, potendo quindi utilizzare il comando Ok Google e Hey Google al posto di “Hey Siri” della Apple. I comandi vocali si attivano pronunciando al microfono dello smartphone o tablet semplicemente la parola d’ordineOk Google” e con questa si può avviare una conversazione, una ricerca oppure dare dei veri e propri comandi come per esempio alzare o abbassare il volume del dispositivo, impostare una sveglia, inviare un messaggio WhatsApp, chiedere di aprire l’app di musica e ascoltare la propria playlist, richiedere la lettura degli eventi segnati sull’agenda o in calendario e molti altri comandi la cui lista completa è disponibile sul sito di Google dedicato all’assistente vocale. L’assistente vocale è disponibile non solo su smartphone e tablet, ma anche su tutti i dispositivi di nuova generazione come gli smart speaker e gli apparecchi domotici sempre più presenti e popolari nelle abitazioni degli italiani. 

I requisiti minimi per poter utilizzare i comandi vocali sono:

  • Per i dispositivi Android, un sistema operativo 5.0 o superiore;
  • Per i dispositivi Apple con sistema operativo iOS, l’installazione dell’app ufficiale di Google nella versione 3.5 o superiore;
  • Bisogna attivare i comandi vocali tramite le impostazioni dell’account Google utilizzato.

Se si riscontrano difficoltà con i sistemi operativi Android o iOS, la prima cosa da fare è aggiornare i firmware all’ultima versione possibile. 

Come effettuare il Voice Match

Per utilizzare OK Google occorre prima attivare i comandi vocali ed effettuare il Voice Match, ovvero il riconoscimento vocale, procedendo come segue:

  • Aprire l’app di Google;
  • Premere (tap) in basso sul menù (con le tre linee o punti orizzontali);
  • Premere (fare tap) su “impostazioni”;
  • Individuare sul menù “Voce”> Identificazione Vocale.
  • Attivare la voce “Dì Ok Google” spostando la leva da sinistra a destra con il dito. La spiegazione sotto questa voce è la seguente: «quando dici “OK Google” il dispositivo riconosce la tua voce anche mentre utilizzi le tue app preferite».
  • Dopo aver attivato la voce “OK Google”, premere sull’icona del microfono per aprire una finestra in sovrimpressione pronta a catturare la tua voce;
  • Pronunciare in modo chiaro e deciso “OK Google” in prossimità del microfono del dispositivo.

Il Voice Match e l’attivazione di OK Google è così terminata. È anche possibile sbloccare il dispositivo tramite il comando OK Google, ma occorre avere sempre acceso il microfono del dispositivo e attivare la voce “Sblocca con l’identificazione vocale” sempre accedendo al menù delle impostazioni> Voce> Identificazione Vocale>Sblocca con l’identificazione vocale (la cui descrizione è «Consenti lo sblocco del dispositivo tramite Ok Google quando il suono corrisponde al tuo modello vocale».

Su dispositivi iOS

I comandi vocali di iPhone e iPad sono gestiti dall’assistente vocale preinstallato Siri della Apple, ma se lo si ritiene impreciso o semplicemente si preferisce utilizzare Google, è possibile attivare OK Google anche sui sistemi iOS: è sufficiente scaricare l’app ufficiale di Google e avere un dispositivo che rispetti i requisiti minimi. Per procedere all’attivazione di OK Google su sistemi iOS occorre:

  • Effettuare l’accesso all’account Google;
  • Aprire l’app di Google;
  • Premere in alto a sinistra sull’icona dell’account Google;
  • Premere sul tasto menù e individuare la voce “Ricerca vocale”;
  • Da questa schermata si possono attivare i comandi vocali di Google attivando la voce “Hotword OK Google” per mettere in funzione tutti i comandi vocali all’interno dell’app di Google, nella schermata home e mentre si utilizzano le altre applicazioni.

Ora, pronunciando OK Google si potranno gestire tutte le attività utilizzabili con i comandi vocali anche su iPhone e iPad affiancati a quelli disponibili di default con Siri, infatti i due sistemi sono compatibili e coabitano sullo stesso dispositivo, anche perché Siri non si può né disattivare né disinstallare dal momento che è un’app di default per i sistemi iOS: è decisamente un vantaggio poter utilizzare ben due assistenti vocali per ottenere il massimo dell’efficienza dai propri dispositivi smart.

Di seguito ti riportiamo alcune ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Google Pixel 4a 14,7 cm (5.8") 6 GB 128 GB 4G USB Tipo-C Nero Android 10.0 3140

Prezzo su Amazon.it: €477,00
Compra su Amazon

Google Assistant Vocal Nest Hub Galet

Prezzo su Amazon.it: €87,00
Compra su Amazon

Xiaomi Mi TV Stick, FHD, Android TV 9.0, Telecomando Bluetooth, HDMI, Media Playe

Prezzo su Amazon.it: €31,99

Cosa fare se Ok Google non funziona

Come abbiamo visto finora, l’attivazione e il funzionamento di "Ok Google" sul nostro smartphone è davvero semplice. O almeno dovrebbe. Tuttavia, non sempre l'assistente digitale intelligente ci ascolta ed esegue o nostri ordini. Cosa dovremmo fare, allora, se il Voice match non vuol saperne di funzionare? Vediamo caso per caso.
Il primo suggerimento di base è verificare sempre che Google Assistant sia davvero attivo sul nostro dispositivo. Come fare? In poche e semplici mosse: apriamo l’App di Google, clicchiamo su “altro” ed entriamo nelle impostazioni. Da qui scegliamo Voce e di seguito Voice Match, ripetiamo tre volte Ok Google e, infine, selezioniamo l’accesso con Voice Match per far funzionare l’assistente vocale anche a schermo spento o durante l’utilizzo di altre applicazioni. Se questo non funziona, il passo successivo è assicurarci di aver selezionato la giusta lingua dell’assistente vocale, ovvero l’italiano. Possiamo farlo sempre dalle impostazioni dell’App Google, entrando in voce e poi in lingue. Un ulteriore passaggio è l’aggiornamento dell’applicazione dal Play Store.
Se fin qui nulla è cambiato, proviamo a questo punto a impostare nuovamente il modello vocale. Apriamo l’applicazione, accediamo nelle impostazioni e in “voce” e dai entriamo in Voice match e nel modello vocale eliminando prima l’esistente e poi registrando il nuovo comando. Attenzione però, perché il problema potrebbe anche essere il microfono dello smartphone che non funziona come dovrebbe. Come verificarlo? Anche in questo caso Google ci aiuta, dall’applicazione dovremmo visualizzare l'icona colorata che rappresenta, appunto, il microfono. Se vediamo un linea tratteggiata potrebbe indicare che sussiste un problema. A volte sono le app attive, quindi cerchiamo di disattivare tutto ciò che corre anche in background e riproviamo. Un altro passo, a questo punto, è il buon vecchio medio del riavvio, sempre buono. Specialmente con il sistema Android, il riavvio del dispositivo è una rapida soluzione a molti problemi. Se l’assistente vocale non funziona e abbiamo già controllato quanto elencato sopra, è arrivato il momento fatidico di spegnere e riaccendere lo smartphone. Ultima opzione disponibile, qualora nemmeno il riavvio fosse davvero efficace per far sbloccare la situazione di impasse con Ok Google, è l’utilizzo dell’aiuto dell’applicazione. A nostra disposizione abbiamo il forum ufficiale di Google e se non riusciamo a risolvere nemmeno in questo modo possiamo decidere di inviare a Google un feedback in modo diretto. Basta aprire l’applicazione, cliccare di nuovo su altro e poi su “Invia feedback”. Qui possiamo descrivere il problema che stiamo riscontrando, magari supportato da screenshot e inserendo informazioni sul modello del dispositivo utilizzato.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Potrebbe interessarti

Scegliere l'operatore telefonico: ecco cinque consigli utili

Scegliere l'operatore telefonico

L’innumerevole quantità di gestori telefonici presenti sul mercato rende la scelta di quello più adatto davvero difficile. I prezzi sono sempre più competitivi e le offerte sempre più allettanti, soprattutto per quanto riguarda la quantità di giga mensili, disponibili per navigare autonomamente su internet.

Hard Disk esterno da 2TB: quale acquistare per archiviare foto video e file

Hard Disk esterno da 2TB

Oggi, dopo avervi parlato delle Micro SD, vi presentiamo una guida per l'acquisto di un Hard Disk esterno da 2TB. Quale hard disk esterno acquistare per archiviare foto, video e file è la domanda che molti si pongono quando si trovano nelle condizioni di non avere più spazio di archiviazione nel proprio Pc, Mac o Notebook. Sono finiti i tempi in cui si archiviavano foto e video sui CD o DVD o su hard disk esterni con lo spazio di archiviazione limitati, oggi lo spazio di archiviazione sugli hard disk esterni possono arrivare anche 2tb.

Font di WhatsApp: come cambiare scrittura sulla famosa applicazione

font WhatsApp

Scommettiamo che utilizzate WhatsApp ogni giorno per comunicare con i vostri parenti e con i vostri amici. Vi è mai capitato di avere la necessità di evidenziare alcuni messaggi per rimarcare un concetto oppure semplicemente per stupire qualcuno con un messaggio un po’ particolare? Leggete la parte successiva della guida sui font di WhatsApp per scoprirlo.

Smart working: tutto quello che c'è da sapere per organizzarsi

smart working

Negli ultimi mesi è stato necessario adattarsi al fine di riuscire a contenere il problema, prima che la situazione sfuggisse di controllo.

Come scaricare video da YouTube? Ecco i tools indispensabili

Come scaricare video da YouTube

YT è uno dei canali video più utilizzati in rete, una miniera di video musicali, trailer, film, videogame, alcuni talmente originali, rari e unici da collezionare. Ma come scaricare video da YouTube, con quali prodotti, quali sono i programmi o i siti youtube downloader? Ecco una guida su come scaricare video da YouTube in modo legale e gratuitamente.

Pc da gaming assemblati: orientarsi all’acquisto

pc da gmaing assemblati

Ritrovarsi appassionati del mondo dei videogiochi per PC comporta, prima o poi, la voglia di possedere una postazione che vi permetta di divertirvi e allo stesso tempo dare spazio a questo nuovo hobby, adatto per tutte le età.

I più condivisi

I migliori consigli per risparmiare sulla bolletta del telefono

Sappiamo bene che nel contesto del bilancio familiare ci sono alcune spese che vanno a incidere più di altre. Tra queste dobbiamo senza dubbio indicare la bolletta del telefono, che per molte persone non è comunque più quello tradizionale di tipo fisso.

Il fenomeno delle aste giudiziarie e il passaggio alla modalità telematica

Il mercato immobiliare continua a subire evoluzioni e ad allargare i propri orizzonti attraverso modalità d’acquisto diverse e al passo coi tempi. Accanto alla classica trafila da compiere per l’acquisto canonico di un immobile attraverso l’appoggio di un’agenzia immobiliare come RockAgent - in grado di seguire ogni passo della compravendita dall’annuncio alla conclusione dell’affare - negli ultimi anni il fenomeno delle aste è andato ad attirare un numero sempre maggiore di potenziali clienti. La nuova frontiera di questo tipo di transazione è rappresentato dalle aste telematiche.

I 3 macro-settori del mondo informatico che sono cresciuti maggiormente negli ultimi anni

Viene chiamata da molti la “quarta rivoluzione industriale” e nel corso di appena 15 anni è riuscita a passare da 1 miliardo di utenti a quasi 4 miliardi e mezzo. Stiamo ovviamente parlando di internet e di tutto quello che ruota attorno a un fenomeno epocale in grado di modificare pesantemente le nostre abitudini e che ha portato la tecnologia ad evolversi seguendo strade spesso anche inattese. Anche sotto i colpi pesanti del covid, il settore IT non ha subito perdite, anzi, ha fatto segnare percentuali di crescita anche a causa della definitiva esplosione dell’e-commerce.

Email Marketing: che cos’è e quali sono i vantaggi

email-marketing.png

Stai pensando di avviare per la tua azienda un’attività di marketing diretto? In questo articolo approfondiamo l’Email Marketing e vediamo quali sono i vantaggi che riesce ad ottenere l’azienda utilizzando tale tecnica nella propria strategia di marketing

 

 

 

  

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina