Il tethering, come detto, è quel servizio che permette ad un soggetto di accedere al web mediante un secondo dispositivo che accetta di far la parte del modem. Ovviamente tale servizio è offerto sia dai dispositivi di matrice Android che di matrice IOS pertanto che sia Samsung, iPhone, Honor o Huawei poco cambia. 

Avete mai provato ad immaginare una vostra classica giornata senza l’accesso ad Internet? Avete mai provato ad immaginarvi ventiquattro ora senza connessione nel vostro smartphone? Niente notifiche, niente Facebook. Nessuna possibilità di aprire la vostra mail, di caricare foto su Instagram o di leggere le ultime notizie di cronaca: niente di tutto ciò. 

E a volte, non prendiamo in giro, ci siamo ritrovati in una situazione similare. Magari abbiamo finito i giga a nostra disposizione, magari abbiamo dimenticato di effettuare la ricarica prima del rinnovo e quindi ci siamo ritrovati fuori dal mondo. 
Per un motivo o per un altro, comunque, il dato di fatto rimane il medesimo: e cosa avete fatto in queste situazioni? Avete mai provato ad ovviare al problema, seppur temporaneamente, usufruendo del cosiddetto tethering WiFi

Magari i meno ‘evoluti’ tecnologicamente non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando ma è giusto procedere per gradi per spiegare questa opzione che ci permette di accedere al web usufruendo della ‘gentilezza’ di un secondo soggetto che accetta di fungere da modem. Procediamo, in ogni caso, con ordine. 

Come si attiva il tethering su iPhone?

Immagine dell'articolo "Tethering su iPhone: wifi e connessione internet in casi di emergenza"

È possibile effettuare il tutto modificando determinate impostazioni e ora vedremo nel dettaglio come preparare un iPhone a tale servizio: 

  • Primo passo è quello di avviare le impostazioni dalla medesima icona posizionata nella Home principale; 
  • A questo punto bisogna cliccare sull’opzione Hotspot personale che ove non fosse disponibile porrebbe il proprietario dinanzi alla cruda realtà che il dispositivo non si presta ad offrire tale servizio. In ogni caso nel caso in cui questo sia presente ci permette di passare allo step successivo; 
  • Una volta cliccato il cursore dell’Hotspot personale lo stesso diverrà di colore verde e il che indicherà l’attivazione della funzionalità; 
  • Adesso bisognerebbe impostare la password per poter accedere al tethering. Infatti lo stesso funziona come un comunissimo modem che al momento della stipula di una nuova connessione ci richiedere obbligatoriamente la password. Nella stragrande maggioranza dei casi quella di base è oggettivamente impossibile da memorizzare pertanto è possibile modificarla con una più congeniale alle nostre esigenze 
  • A questo punto cliccare su ‘Fine’ ed il gioco è fatto. 

Ovviamente una volta effettuate tutte queste operazioni diviene obbligatorio fare la controprova. A tal proposito basta prendere un dispositivo dotato di connessione Wi-Fi e ricercare la nuova rete da noi impostata. Scelta ed immessa la password se il dispositivo B riesce tranquillamente ad accedere ad Internet significa che abbiamo fatto tutto in modo assolutamente corretto. 

Per quel che concerne i dispositivi Apple abbiamo confezionato anche questa guida che riguarda la Apple TV.

La scelta della tariffa migliore 

Negli ultimi anni il mondo della connessione mobile ha subito delle migliorie a dir poco impressionanti. Se infatti fino a qualche anno la connessione degli smartphone era estremamente lenta la stessa ad oggi ha subito un radicale mutamento. 

Si è infatti passati dalla oramai vecchia connessione a 3G a quella 4G che, seppur con le dovute precauzioni del caso, può essere ribattezzata come l’ADSL degli smartphone. 
Fermo restando che questo step sarà sicuramente temporaneo in attesa di ulteriori miglioramenti e/o perfezionamenti in questo momento non esiste un diktat preciso che ci permette di stabilire quale sia l’offerta più vantaggiosa. 
A dispetto del lato economico (che ormai oscilla dai 5€ ai 10€) è fondamentale verificare la copertura della compagnia alla quale eventualmente vogliamo affidarci: che sia Tim, Vodafone, Wind o Fastweb tutte ormai permettono ai loro clienti di verificare l’intensità del segnale ricevuto in una determinata zona. E, tra le tante, occhio alle società in rampa di lancio. Quali sono? Illiad e Ho. su tutte. 

La connessione di base, senza Hot Spot

Come detto precedentemente la nostra possibilità di accedere al mondo del web è figlia di una navigazione internet che ci viene permessa direttamente dai nostri gestori telefonici. Ovviamente in base alla qualità del segnale ricevuto e dalla tipologia di contratto stipulato possiamo ‘viaggiare’ su differenti binari di velocità. La connessione 4G è stata ridefinita come l’ADSL degli smartphone ma ovviamente la connessione ottenuta mediante modem/router di casa assume un sapore completamente differente.

Anche in questo caso la qualità cambia in quanto figlia di molti fattori. Piccola precisazione quando si parla di connessione internet derivante dal modem casalingo è quella che riguarda le prestazioni che possono essere offerte dalla connessione LAN: di base è molto più potente ma soprattutto stabile quindi se dovete collegare un dispositivo ad internet, se potete, fatelo mediante cavo.

E se ciò non fosse possibile? Il mondo di oggi a causa dell’inesorabile sviluppo tecnologico ha ribaltato gli usi e le consuetudini di tutti noi: i vecchi personal computer vanno sempre più accantonati per fare spazio a nuove tipologie di notebook. Tablet e smartphone che, ovviamente, non permettono la connessione tramite cavo. Cosa fare quindi?

Ovviamente la soluzione si chiama Wi-Fi ma non tutti sanno che anche nel caso di utilizzo di connessione wireless va fatta una piccola precisazione. Esistono due canali di frequenza che, ovviamente, sono indicati in base alla tipologia di utilizzo che va fatta:

  • Rete a 2,4 GHz viene utilizzata nel caso in cui diverse persone devono utilizzare la stessa connessione internet ma si trovano in stanze differenti. La peculiarità di questa banda è quella di penetrare le mura e comunque gli ostacolo senza alcun problema;
  • Rete a 5 GHz viene utilizzata nel caso in cui un numero di persone non indifferente decide di usufruire della stessa connessione internet ma trovandosi nella stessa stanza. La potenza del segnale, quindi, è molto più forte ma diviene impossibile superare ostacoli quali mura e finestre.

Ultimo consiglio prima di concludere è quello che riguarda la potenza del Wi-Fi. Se vi accorgete che il vostro router non adempi al proprio compito in modo esauriente potete tranquillamente acquistare in mercato un ripetitore di segnale per rendere lo stesso molto più forte e quindi abbattere qualsiasi tipologia di problematica inerente alla potenza.

Potrebbe interessarti

Copertura Linkem: come verificarla?

Spesso, fra le offerte Internet senza il telefono fisso si possono trovare alcune alternative molto interessanti a prezzi accessibili. A esempio il WiMax di Linkem è un’opzione che può risultare molto valida.

Leggi tutto...

Come configurare la Vodafone Station Revolution: ecco quali sono gli step

Se avete appena sottoscritto un’offerta Vodafone per l’ADSL di casa dovrete configurare, sicuramente, un nuovo modem. Per effettuare questa procedura è necessario impostare, tramite il pannello di controllo, determinati parametri propri della compagnia telefonica.

Leggi tutto...

Configurazione di un modem Tiscali

Se avete sottoscritto un contatto con il provider Tiscali dovrete sicuramente configurare il vostro nuovo modem per riuscire a navigare con la connessione di rete internet. Solitamente i dispositivi che vengono forniti alla sottoscrizione del contratto sono già pre-configurati per non creare problemi già dal primo utilizzo e avviarli in modo semplice e veloce appena vengono collegati.

Leggi tutto...

Configurazione del modem Fastweb: ecco come fare

Se avete sottoscritto da poco tempo un abbonamento alla rete Fastweb sicuramente vi troverete davanti alla necessità di dover configurare il modem fornito da loro, per avviare la navigazione online.

Leggi tutto...

Come configurare un modem Infostrada

Se avete deciso di sottoscrivere un abbonamento con Infostrada per la navigazione in Internet dovrete configurare il vostro nuovo modem. Anche se la procedura sembra complicata in realtà, seguendo con attenzioni alcuni passi, sarà davvero facile.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cambiare password wi-fi: ecco come fare

computer 767781 1280

La protezione delle connessioni wi-fi è garantita dall’accesso tramite password del proprio router. Le password sono solitamente fornite di default insieme al router, per questo è importante cambiare la password del wi-fi per evitare spiacevoli intrusioni, sostituendola con una personale e sufficientemente complessa da non poter essere decriptata facilmente.

Leggi tutto...

Negozi Tim a Roma: ecco come trovarli agevolmente

timvision homepage cinema nuovo decoder

Tim è il marchio del gruppo Telecom Italia per l’erogazione di servizi e prodotti per la telefonia fissa e mobile. Tim è il gestore più attivo in Italia con un’ampia programmazione tariffaria per le imprese e gli utenti privati e con servizi di utenza industriale e domestica. La rete di negozi Tim in tutta Italia è capillare; nelle metropoli, la concentrazione è più alta, non è dunque sorprendente immaginare che i negozi Tim a Roma sono più di cento e diffusamente distribuiti sul territorio metropolitano e in provincia.

Leggi tutto...

Tim Impresa Semplice diventa Tim Business: tutto quello che devi sapere

tim fibra ottica

Aziende, imprese e uffici per svolgere al meglio le attività lavorative hanno bisogno di servizi telefonici, internet ADSL e piani tariffari adeguati. Telecom – da diversi anni – ha sviluppato per le aziende e i professionisti una piattaforma online che si chiama Tim Impresa Semplice, ora diventata più comunemente nota come Tim Business

Leggi tutto...