Sono diversi gli anni trascorsi dalla fine di una delle serie più amata dagli appassionati del fantasy: dalla conclusione de Il trono di Spade non è passato un solo momento senza che i più appassionati non bramassero qualcosa che potesse riesumare il ricordo del tono medievale di GOT.

Menu di navigazione dell'articolo

House of the Dragon in streaming si allontana dalla Westeros che abbiamo ben nota grazie al prodotto con Emilia Clarke e Kit Harrington e si sposta in maniera irrompente in un passato molto più lontano, di almeno 200 anni. Il cuore della storia riguarda una faida, una guerra civile tra differenti fazioni dei Targaryen per l’egemonia sul trono di spade.

La produzione di House of the Dragon in streaming tanto atteso è iniziata nell’Aprile del 2021 e, una primissima versione del copione è stata direttamente condivisa dall’account ufficiale di Twitter della stessa serie, ad Aprile dello stesso anno. I dettagli che si sono rivelati riguardo la produzione hanno fatto impazzire tutti: David Benioff e Weiss in questo caso non sono stati direttamente coinvolti all’interno del progetto. Gli Autori de Il trono di Spade hanno avuto numerose critiche nel corso dell’ultima stagione e, parallelamente agli ultimi romanzi di G. Martin, l’autore della lunga narrazione si espresso fuori dal giro della produzione fino al momento della conclusione del suo ultimo Romanzo Winds of Winter. L’autore non ha dato il suo contributo all’interno di questa produzione ma, non per questo, la serie non è stata tra le più attese degli ultimi tempi.

House of the Dragon in streaming: la nostra recensione

La serie House of the Dragon ha chiuso la sua prima stagione con un evento spettacolare, o forse sarebbe più appropriato descriverlo come... un attacco di drago. Ora, l'anticipazione per la seconda stagione è alta, anche se non si prevede che arrivi prima del 2024.

Molti erano incerti riguardo a questo spin-off di Game of Thrones, che in realtà è un prequel ambientato 172 anni prima degli eventi della serie originale. Tuttavia, coloro che hanno letto "Fire and Blood" di George R. R. Martin conoscono già la trama della cosiddetta "Danza dei Draghi". Quindi, non c'era timore che gli showrunner - Ryan Condal e Miguel Sapochnik - si trovassero a corto di ispirazione quando hanno deciso di produrre una serie incentrata su questo periodo storico.

Nella nostra analisi della serie House of the Dragon, discuteremo ciò che ci ha affascinato e ciò che non ci ha convinto della prima stagione. Nonostante le iniziali perplessità riguardo a questo spin-off di Game of Thrones, abbiamo scoperto che si tratta di un prequel ben realizzato che illustra la vicenda della Danza dei Draghi, avvenuta 172 anni prima. Fate attenzione, poiché le informazioni seguenti potrebbero contenere spoiler.

Un cast eccellente è uno dei punti di forza

Emma D'Arcy e Matt Smith si calano nei ruoli di Rhaenyra e Daemon Targaryen, due figure fondamentali della trama. Coloro che sono familiari con la storia riconosceranno numerosi riferimenti a Game of Thrones. Questi sono utili per riaffermare che ci troviamo a Westeros e per creare un legame tra il pubblico, la storia passata e quella presente, ma talvolta sembrano innaturali e superflui. Rimane aperta la questione se House of the Dragon riuscirà a sganciarsi dal prestigio della sua serie madre, ma a nostro avviso ha già fatto notevoli progressi in questo senso. Lo show ha saputo tracciare in modo efficace i personaggi e i loro intenti, qualcosa che spesso mancava in Game of Thrones. Con un racconto più preciso, House of the Dragon è riuscita a forgiare la propria identità, distinguendosi come una serie affascinante di per sé.

Nello show, la trama è incentrata soprattutto sui Targaryen e le varie tensioni tra di loro. Inizialmente, sembra che il fulcro della storia sia il confronto tra il re Vyseris e suo fratello Daemon, ma ben presto altre trame emergono. Questo offre una visione più variegata degli obiettivi e delle motivazioni di ciascun personaggio.

House of the Dragon è una serie TV in streaming che ha suscitato notevole interesse di recente. La serie vede Matt Smith nei panni di Daemon Targaryen e segue il percorso del suo personaggio. Il cast di House of Dragon è di alto livello, con attori del calibro di Paddy Considine, Emma D'Arcy, Olivia Cooke e Eve Best che forniscono performance notevoli. Tuttavia, il personaggio di Matt Smith non è tanto in primo piano quanto altri personaggi e non ha molta presenza a schermo rispetto a loro. Nonostante ciò, riesce a offrire una rappresentazione intensa nelle poche scene in cui appare. L'ottavo episodio è particolarmente rilevante per il suo personaggio. In sintesi, House of Dragon è un prodotto eccellente che merita di essere visto.

In House of the Dragon, siamo particolarmente affascinati dal personaggio di Alicent. È molto diversa da Cersei Lannister di Game of Thrones. La forza di House of the Dragon risiede sicuramente anche nella brillante e poco convenzionale caratterizzazione dei suoi protagonisti. Ci ha colpito inoltre l'evoluzione di Otto Hightower (interpretato da Rhys Ifans) nel ruolo dell'"antagonista".

172 anni prima del Trono di Spade

È importante sottolineare che House of the Dragon introduce alcune variazioni rispetto al libro Fire and Blood nella descrizione dei personaggi secondari. Considerando che la trama di questa prima stagione abbraccia addirittura tre generazioni di Targaryen, è comprensibile che i discendenti dei personaggi principali non abbiano avuto la dovuta attenzione. Tuttavia, dobbiamo confessare che abbiamo trovato l'interpretazione dei giovani Targaryen, Aemond e Aegon, un po' esagerata, specialmente se messa a confronto con la raffigurazione più contenuta ma anche più superficiale dei figli di Rhaenyra, che non sono esattamente dei Targaryen.

Risulta difficile accettare che gli attori che impersonano Fabien Frankel e Graham McTavish, ovvero Criston Cole e Harrold Westerling, non siano stati "invecchiati" in maniera più appropriata, data l'attenzione per i dettagli delle scenografie e dei costumi. Per gli spettatori meno attenti, potrebbero essere necessari alcuni istanti per adattarsi all'idea di un salto nel tempo, ma è stato altrettanto fondamentale raggiungere questa fase nella prima stagione.

Quando non c'era ancora la guerra

House of the dragon in streaming

Nel suo esordio, House of the Dragon trasmessa online potrebbe essere vista come il silenzio prima della tempesta. La guerra denominata la danza dei draghi non è ancora scoppiata e l'intrigo deve ancora raggiungere il suo picco: questo è stato probabilmente l'aspetto meno convincente della stagione, secondo l'opinione di molti. In realtà, dopo brevi sequenze d'azione nei primi episodi, House of the Dragon tende a concentrarsi sull'autoanalisi, sui dialoghi tra i personaggi e sui complotti e gli intrallazzi di corte, che si propagano da King's Landing a ulteriori centri di comando Targaryen come Dragonstone e Driftmark.

In House of Dragon, i draghi costituiscono un elemento cruciale della trama e sono fondamentali per il racconto. L'elaborazione CGI dei draghi è molto curata e compaiono spesso. Tuttavia, la serie non delinea la connessione particolare che i Targaryen hanno con i draghi, come avrebbero desiderato alcuni spettatori. Inoltre, quando un drago perisce in House of Dragon, l'evento non ha l'effetto che avrebbe potuto produrre.

House of the Dragon è una serie ben congegnata che si prende il necessario tempo per esplorare le intricate dinamiche familiari dei Targaryen. Nonostante vi sia una carenza di azione in certe sezioni, l'arco di sviluppo generale è affascinante e lascia presagire ulteriori sviluppi emozionanti nelle stagioni a venire. Consigliamo questa serie ai fan di Game of Thrones in cerca di una nuova esperienza avvincente.

La Casa Targaryen

E’ una delle casate nobiliari più importanti nel mondo di "Game of Thrones", e le sue origini sono profondamente legate alla storia del continente di Westeros.

La Casa Targaryen deriva da Valyria, un potente impero che esisteva mille anni prima degli eventi di "Game of Thrones". Conosciuti come i Signori dei Draghi, i Targaryen controllavano alcuni dei numerosi draghi che vivevano in Valyria, utilizzandoli come armi di guerra.

Tuttavia, circa 300 anni prima degli eventi della serie, una catastrofe conosciuta come il "Mietitore di Valyria" distrusse l'Impero Valyriano. Un membro della Casa Targaryen, Daenys la Sognatrice, aveva previsto il disastro in un sogno. Pertanto, suo padre Aenar Targaryen trasferì la famiglia e i loro draghi nell'isola di Roccia del Drago, al largo della costa di Westeros.

Dopo un secolo, Aegon I Targaryen, con i suoi due draghi e le sue sorelle mogli, Visenya e Rhaenys, conquistò i Sette Regni di Westeros, unificandoli sotto il suo Dominio. Aegon venne incoronato come primo re dei Sette Regni sul campo di battaglia, dove più tardi sarebbe stata costruita la capitale, Approdo del Re.

I Targaryen governarono Westeros per quasi 300 anni. Durante il loro regno, ci furono varie rivolte e guerre civili, la più nota delle quali è la "Danza dei Draghi", una guerra di successione tra la regina Rhaenyra e suo fratellastro, Aegon II.

Il regno dei Targaryen finì con Robert's Rebellion, una rivolta scoppiata quando Rhaegar Targaryen, erede del re Aerys II, rapì Lyanna Stark. Questo portò Robert Baratheon e Eddard Stark a sollevare un esercito per combattere i Targaryen. Il re Aerys II, noto come il "Re Folle", fu ucciso da uno dei suoi guardiani del re, Jaime Lannister, e Robert Baratheon salì al trono.

Con l'eccezione di Viserys e Daenerys, i membri sopravvissuti della Casa Targaryen, si pensava che tutti i Targaryen fossero stati uccisi durante la rivolta. Tuttavia, durante gli eventi di "Game of Thrones", si scopre che Jon Snow è in realtà l'erede legittimo dei Targaryen, essendo il figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark.

La Casa Targaryen è nota per i suoi capelli argentei e i suoi occhi viola, così come per la sua affinità con i draghi. La loro casata ha un motto molto famoso: "Fuoco e Sangue".

Puntate del Trono di Spade che dovresti recuperare prima della visione di House of the Dragon

"Baelor" (Stagione 1, Episodio 9)

Ned Stark, prigioniero della regina Cersei, è costretto a confessare un tradimento che non ha commesso per salvare la vita delle sue figlie. Tuttavia, il Re Joffrey rompe la promessa di risparmiarlo, condannandolo a morte. È l'episodio che stabilisce la natura spietata del gioco del trono.

"Blackwater" (Stagione 2, Episodio 9)

L'episodio si concentra interamente sulla battaglia per King's Landing tra le forze di Stannis Baratheon e il regno di Joffrey Baratheon. Con un imponente utilizzo del fuoco di drago verde, Tyrion Lannister, agendo da Primo Cavaliere, riesce a respingere l'assalto.

"The Rains of Castamere" (Stagione 3, Episodio 9)

Durante le Nozze Rosse, Robb Stark, sua madre Catelyn, e la sua sposa Talisa vengono brutalmente uccisi, segnando la fine della rivolta del Nord contro i Lannister.

"Hardhome" (Stagione 5, Episodio 8)

Jon Snow tenta di convincere i Selvaggi a unirsi a lui per combattere gli Estranei. Mentre stanno negoziando, gli Estranei attaccano Hardhome, in una delle battaglie più terrificanti e intense della serie.

"The Battle of the Bastards" (Stagione 6, Episodio 9)

Jon Snow e Sansa Stark portano un esercito per riprendere Winterfell da Ramsay Bolton, risultando in una delle battaglie più grandi e realisticamente filmate nella storia della televisione.

"The Winds of Winter" (Stagione 6, Episodio 10)

Cersei Lannister fa saltare il Gran Sept di Baelor con fuoco di drago, uccidendo il Gran Sparrow, Margaery Tyrell, e molti altri. Tommen, suo figlio e re, si suicida, e Cersei prende il trono. Nel frattempo, Daenerys naviga verso Westeros.

"The Spoils of War" (Stagione 7, Episodio 4)

In una delle battaglie più sorprendenti della serie, Daenerys Targaryen cavalca il suo drago Drogon contro l'esercito Lannister, decimandolo con fuoco di drago.

Gli easter eggs dentro Il trono di spade: cosa sappiamo?

La serie House of the Dragon in streaming rivolge lo sguardo ad un tempo lontanissimo: ben 200 anni prima che Daenerys nata dalla tempesta arrivasse a Westeros. Il Nucleo della trama di House of the Dragon in streaming si muove intorno alla sanguinosa battaglia chiamata la Danza del Draghi, la quale ha visto come protagoniste due differenti fazioni della famiglia Targaryen. La storia, che si può trovare nel libro Fire & Blood è stata pubblicata nel 2018 e racconta della lotta per ottenere il trono in seguito alla morte di Viserys I. Questo, dalla prima moglie, ebbe solo una figlia, Aemma Arryn, insieme ad altri due maschi morti in via prematura. Daemon, il fratello, si aspettava con grande ammirazione di essere nominato erede, ma questo non avvenne e, quando Aemma morì di parto, Viserys fece diventare prima erede la principessa Rhaenyra. Dal secondo matrimonio, Alicent Hightower ebbe ben tre figli e due maschi, Aegon, Aemod e Halaena.

In un primo momento i rapporti tra la principessa e la matrigna erano sereni ma, con la nascita dei tre figli, le tensioni aumentarono insieme al desiderio della regina di vedere sul trono suo figlio. Questo però, contro le aspettative della regina, non accadde. Così la pressione nei confronti del re per selezionare un erede maschio: Viserys però non sentiva il peso di questa responsabilità, perché la nomina di Rhaenyra era stata definitiva. 

Trailer in Italiano

NowTv

 

Autore: Enrico Mainero

Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog Redazione di ElaMedia.