Capita di avere dei rallentamenti di connessione durante la navigazione che possono dipendere dalla rete o da svariate altre cause. È, a volte, necessario effettuare uno speed test o test della velocità per capire se esiste un rallentamento reale della trasmissione dati. Lo speed test è uno strumento che misura la velocità di connessione ad una rete internet fissa o mobile. Uno dei misuratori più affidabili è il Google speed test. La corretta valutazione di una connessione deve tener conto della velocità in download e in upload, ma vediamo nel dettaglio.

Con lo sviluppo man mano di computer sempre più moderni, potenti e veloci, i collegamenti internet hanno dovuto adeguarsi alla velocità di connessione e trasmissione dei dati. Oggi, infatti, uno dei fattori più importanti sulla rete è quella relativa a tale velocità. Basti pensare all’importanza di tutto ciò quando si devono inviare dei files corposi (magari di diversi Gigabite) oppure si devono scaricare dati, film, canzoni o, ancora, si devono visualizzare. Tutto ciò sarebbe molto problematico con una connessione lenta.

Si pensi adesso ai milioni di computer che esistono in alcune aree metropolitane e alla capacità di avere tutti la stessa medesima velocità di connessione e trasmissione dati. Da questo si può comprendere come sia importante al giorno d’oggi avere linee internet che supportino tali velocità, sia per questioni professionali (per lo scambio di file o documenti, ad esempio) e sia per puro svago o divertimento (visione di film o di video musicali).

Insomma, avere una Ferrari come computer e poi non poter sfruttare le sue potenzialità o poterlo fare solo su stradine di montagna, è davvero un problema. Tuttavia, come vedremo, delle volte, le autostrade veloci di internet possono subire dei rallentamenti e quindi è necessario effettuare una misurazione della velocità a cui si viaggia. E negli ultimi tempi sono sorti diversi strumenti che misurano tale velocità. In particolare uno è stato realizzato proprio da coloro che grazie alla rete sono diventati celebri. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Cos’è un misuratore di velocità di connessione

Il misuratore di velocità esamina la performance di una rete LAN e valuta la velocità di scambio dati in download e in upload. Cosa significa? La velocità di download misura la rapidità con cui la rete scarica informazioni, dati multimediali da internet, mentre la velocità di upload misura la rapidità con cui si riescono a caricare contenuti sul web. Solitamente si dà importanza alla velocità di download perché è quella che coinvolge il maggior numero di operazioni da parte dell’utente quando usufruisce di servizi online, visita pagine web, scarica contenuti multimediali. I software online per misurare la velocità di connessione sono molteplici in rete, alcuni sono più affidabili di altri perché adottano tecnologie più o meno avanzate e innovative. Non è necessario scaricare alcun prodotto per effettuare uno speed test perché spesso sono dei gadget o estensioni applicate all’interno della barra degli strumenti del proprio browser, oppure sono tool online come quello di Google.

Come funziona il Google speed test

Google speed test

A settembre 2017, Google ha messo a disposizione degli utenti il proprio Google speed test online. Realizzato in collaborazione con la M-Lab (Measurement Lab), il Google speed test può verificare connessioni fino a 700 Mbps (paradossalmente una connessione in fibra ottica da 1 Giga potrebbe non essere “rilevata” dal Google speed test, ma dal 2017 a oggi sono molti i miglioramenti apportati allo strumento.

Il suo utilizzo è molto semplice. Si digita sulla barra di ricerca Google “ Google speed test ” e il primo risultato di ricerca è una maschera che spiega cos’è lo speed test; per eseguire la prova, si preme su “Esegui test della velocità”. Il sistema controlla la velocità di connessione in meno di 30 secondi. L’esecuzione del Google speed test avviene tramite la trasmissione dei dati a M-Lab che necessita di collegarsi all’IP dell’utente. L’esito della verifica viene pubblicato, ivi incluso l’indirizzo IP del dispositivo esaminato, ma non i dati relativi al suo utente.

Con il Google speed test  non è necessario installare applicazioni, né trovare e visitare siti web estranei; affinché sia svolto correttamente, durante l’analisi, il dispositivo non deve essere collegato a modem router via cavo e wifi in fase di trasferimento dei dati per non falsare il risultato. Sono sufficienti, infatti, circa 40 Megabyte di dati.

Quanto sono affidabili i test di velocità?

Google speed test

L’affidabilità dei misuratori di connessione è un concetto vago. Ciascun speed test trasferisce al proprio server un determinato quantitativo di dati sia in download che in upload e l’esito può essere espresso in Kbs p Mbps così come può essere influenzato dalla posizione geografica del server utilizzato per la misurazione e quindi dalla “rotta” seguita dai dati per giungere a destinazione. Uno speed test affidabile può, quindi, essere uno che utilizza un server fisicamente vicino al dispositivo esaminato. Fino a poco tempo fa, le verifiche erano concentrate in server collocati negli Stati Uniti. La stessa M-Lab di cui si serve Google è un consorzio statunitense, ma che comprende diverse realtà imprenditoriali e universitarie che sviluppano strumenti di monitoraggio delle connessioni internet; da quando Google Italia utilizza server italiani per l’analisi della velocità, i test sono molto più accurati e affidabili.

Un altro elemento che potrebbe falsificare l’esito di un test di velocità è rappresentato dalle limitazioni del provider, ovvero se l’operatore di telecomunicazioni scelto per il piano tariffario internet applica delle restrizioni in fase di trasferimento dati o penalizza alcune tipologie di traffico dati. È consigliabile fare anche una verifica in questa direzione.

Quali informazioni riporta il misuratore di Google

Il Google speed test  misura connessioni ADSL, fibra ottica, nonché reti mobili 3G e 4G. Oltre a mostrare l’esito sulla velocità di trasferimento in download, il Google speed test rileva anche il trasferimento dai in upstream e il valore di latenza nell’ordine dei millesecondi. Infine, constata se la velocità registrata può supportare altri dispositivi contemporaneamente in uso e fino a quale limite senza subire rallentamenti.

Come calcolare la velocità di connessione sui dispositivi mobili

Google speed test

Per verificare la velocità di connessione dei dispositivi mobili, la procedura è la stessa che si effettua con il PC. Per gli iPhone, iPad, smartphone e tablet con sistema operativo Android possono connettersi a Google aprendo il browser dello smartphone, digitare sulla barra di ricerca “Google speed test” e appare lo stesso box che si visualizza sullo schermo del PC con il tasto da premere “Esegui test di velocità”. In circa 30 secondi si ottiene il risultato delle prestazioni di connessione della propria rete mobile sia in download che in upload e la relativa latenza (il tempo di risposta).

Per avere un quadro più corretto sull’effettiva velocità di connessione occorre ripetere il Google speed test  più volte, in giorni e orari diversi per poterne trarre le conclusioni.

Infatti può capitare che in alcuni orari (ad esempio, quelli di lavoro) della giornata, con l’accesso contemporaneo di migliaia di computer, la velocità di connessione di una rete sia fortemente limitata e quindi non veritiera o corretta rispetto ad altri orari. Stesso discorso si può fare per le giornate. Difatti, una cosa è effettuare un Google speed test durante un giorno feriale, altro è invece farlo durante una giornata festiva, quindi con meno persone a lavoro e connessi ad internet.
Di conseguenza, per questi motivi, è importante analizzare la velocità della rete, come dicevamo, in vari momenti della giornata e in diversi giorni della settimana. Al fine di avere un’analisi più attendibile e soprattutto veritiera riguardo ad internet e alla sua velocità.

 

Potrebbe interessarti

Copertura Linkem: come verificarla?

Spesso, fra le offerte Internet senza il telefono fisso si possono trovare alcune alternative molto interessanti a prezzi accessibili. A esempio il WiMax di Linkem è un’opzione che può risultare molto valida.

Come configurare la Vodafone Station Revolution: ecco quali sono gli step

Se avete appena sottoscritto un’offerta Vodafone per l’ADSL di casa dovrete configurare, sicuramente, un nuovo modem. Per effettuare questa procedura è necessario impostare, tramite il pannello di controllo, determinati parametri propri della compagnia telefonica.

Configurazione di un modem Tiscali

Se avete sottoscritto un contatto con il provider Tiscali dovrete sicuramente configurare il vostro nuovo modem per riuscire a navigare con la connessione di rete internet. Solitamente i dispositivi che vengono forniti alla sottoscrizione del contratto sono già pre-configurati per non creare problemi già dal primo utilizzo e avviarli in modo semplice e veloce appena vengono collegati.

Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Immagine usata nell'articolo Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Se avete sottoscritto da poco tempo un abbonamento alla rete Fastweb sicuramente vi troverete davanti alla necessità di dover configurare il modem fornito da loro, per avviare la navigazione online.

Come configurare un modem Infostrada

Se avete deciso di sottoscrivere un abbonamento con Infostrada per la navigazione in Internet dovrete configurare il vostro nuovo modem. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Articoli correlati

I più condivisi

Antivirus gratis per pc: ecco i più utilizzati e funzionali

Una volta che avrete acquistato il vostro PC, oltre ad installare il sistema operativo, il pacchetto office e le varie app “di rito”, sarà necessario informarvi su quale antivirus per pc da installare sul vostro nuovo dispositivo.

Antivirus per Smart TV: è davvero necessario?

Oggigiorno il web e internet in generale, sono raggiungibili da vari dispositivi, tra i quali ci sono anche le Smart TV, le quali, oltre a consentire la classica visualizzazione della tv nazionale ci permettono di navigare su internet e di installare applicazioni da uno store interno. 

Domotica Xiaomi: innovazione ed efficienza a casa tua

domotica xiaomi 2

Visto il grande successo dell’idea di domotica, e la diffusione dei vari prodotti inerenti a questa nuova tecnologia moltissimi brand si stanno adoperando per creare la propria linea di articoli per la domotica.