Dopo aver parlato di Hotmail, oggi tocca ad un altro approfondimento. Se fino a qualche decennio fa contatti ed informazioni tra diversi soggetti, quali persone o aziende, avvenivano tramite fax, posta tradizionale o telefonate, adesso, con l'avvento della tecnologia di internet e dei computer, tutto questo si svolge attraverso le email e quindi la cosiddetta posta elettronica. Una modalità che consente uno scambio veloce tra le parti sia di informazioni, ma anche di documenti o altri tipi di materiali.

L'uso di una casella di posta elettronica, sia pur molto semplice, comunque necessita di una procedura di configurazione della stessa, al fine di permettere la ricezione e l'invio di email. Considerando i diversi gestori e fornitori di servizi internet, tale procedura deve essere effettuata con attenzione e usando i dati corretti. Per coloro che usufruiscono dei servizi della società Wind, ad esempio, possiamo fornire le giuste impostazioni mail Infostrada, per gestire una casella di posta elettronica proprio di quest'azienda, appartenente al gruppo Wind appunto.

I client e le mail da gestire

E' possibile utilizzare una casella Infostrada Wind anche tramite client di posta tradizionali e diffusi, come ad esempio Microsoft Outlook oppure altri ancora. Infatti, serve soltanto inserire all'interno di tali client il proprio indirizzo di posta elettronica, seguendo una procedura non complessa e che alla fine richiede l'immissione di alcuni parametri o dati prestabiliti.

Per gli utilizzatori del client Outlook della Microsoft, ad esempio, la procedura da seguire è la seguente: trovare e premere sul tasto File, dopo l'apertura di una nuova schermata si dovrà cliccare sul menù Impostazioni Account e poi sull'omonimo tasto presente all'interno del menù stesso. Effettuato tutto questo, non resta che premere sulla dicitura Nuovo e immettere i parametri che saranno poi forniti, al fine di terminare la procedura medesima.

Se si utilizza invece il sistema Windows Mail, l'utente deve cercare e cliccare sul menù Strumenti e poi successivamente su Account. In seguito si aprirà una nuova finestra, in cui pigiare il tasto Aggiungi e poi ancora su Account di posta elettronica, per realizzare un nuovo account appunto da utilizzare. Fatto tutto ciò, si dovrà poi inserire una serie di dati prestabiliti, all'interno di un piccolo modulo elettronico.

Per coloro che usufruiscono invece dei servizi della Apple Mail, si deve selezionare il menù Mail e poi cliccare su Preferenze, all'interno della schermata. Si aprirà una nuova finestra, in cui è visibile il tasto da cliccare Account, dopo averlo fatto, selezionare il successivo tasto +. Terminato questo, si dovrà concludere la procedura con la compilazione di un modulo, dove saranno inseriti determinati parametri prestabiliti.

L'inserimento delle impostazioni finali per l'uso della casella di posta

A questo punto, prima di inserire tali parametri per completare la configurazione della mail con Infostrada e quindi poter usare un proprio account su questo client di posta elettronica tradizionale o anche su altri eventuali, si deve effettuare la scelta del protocollo da utilizzare tra IMAP e POP3, che rappresentano due sistemi nettamente differenti tra loro.

Il primo, l'IMAP, è quello maggiormente consigliato ed adottato, soprattutto al giorno d'oggi, in quanto consente di poter essere utilizzato simultanemante su molteplici dispositivi (dallo smartphone al tablet, passando per lo stesso computer), usufruendo anche della sincronia dei messaggi su quelli più usati dal singolo utente.

Dall'altra parte vi è invece il POP3, che possiede evidenti limitazioni, in quanto fa utilizzare il proprio account di posta solo su un dispositivo elettronico alla volta e soltanto su quello, come un computer ad esempio, e non permettendone l'uso invece su altri. Il tutto risulta alquanto limitativo, tenendo presente il fatto che, quotidianamente, ogni utente usa diversi dispositivi elettronici appunto.

Effettuata questa importante distinzione, si può concludere la procedura avviata, con la fornitura dei parametri prestabiliti per l'uso della casella di posta elettronica.

Per il nome utente o username, si deve inserire quest'ultimo abbinato al dominio @libero.it oppure @iol.it. Come password, quella prescelta dall'utente. Come server di posta in arrivo con IMAP, il server è imapmail.libero.it e porta 993 con SSL; mentre con POP3, il server è popmail.libero.it e porta 995 con SSL. Come server di posta in uscita per SMTP con SSL, il server è smtp.libero.it (con richiesta di autenticazione) e porta 465 con SSL.

La configurazione client di posta IMAP/SMTP: Windows mail

Durante la supervisione della propria casella di posta elettronica, può capitare di avere delle difficoltà durante l’accesso alla casella, specialmente se si stanno utilizzando applicazioni per dispositivi, come Mail pensato per IPhone o Ipad, o semplicemente programmi client di posta corrente, come Microsoft Outlook, Mail su Mac o Mozilla Thunderbird. Per configurare la propria mail bisogna seguire alcuni passaggi indispensabili per la sincronizzazione, ma bisogna tener conto che esistono applicazioni o programmi le cui configurazioni non sono aggiornate e che quindi potrebbero non dare i risultati sperati. Come prima operazione utile, bisogna far si che tutti i parametri siano verificati e che, conseguentemente, possano essere aggiornati sulla base dei settaggi standardizzati.

Sconsigliato è invece un intervento di modifica in merito al protocollo da POP a IMAP, o viceversa, a causa del fatto che tale modifica può compromettere la salvaguardia delle e-mail. Per passare da un account POP già configurato, ad uno IMAP, non bisogna essere avventati e bisogna consultare qualcuno di esperto: eliminando o modificando l’account POP, si rischia di perdere tutta la posta scaricata in passato sul proprio pc, quindi sarebbe bene consultare qualcuno di competente per evitare pasticci o gravi danni. Parimenti vale per il passaggio da account IMAP a POP. Ritornando però alla configurazione di un client o di un’app di posta, si può rimanere più tranquilli e in autonomia, perché esistono numerosi tutorial che guidano la configurazioni senza intoppi o perdite. Utile, per dare una piccola dimostrazione dei passaggi da effettuare, risulta prendere a modello la configurazione su Windows Mail ma, questi passaggi, sono molto simili a quelli di altre app o programmi: capito il meccanismo, la configurazione risulta una passeggiata. Ecco qui di seguito i vari steps per la configurazione di Windows mail:

  • Apri la posta di Windows e, nella barra di sinistra, si può selezionare l’account da configurare. In seguito basta inserire la propria mail, cliccare l’icona delle impostazioni e gestire il proprio account dal menù a tendina che compare sulla destra.
  • Arrivati nella pagina delle impostazioni dell’account, basta cliccare sulla voce “modifica impostazioni di sincronizzazione cassetta postale
  • Dopo che si è arrivati nella pagina delle impostazioni di sincronizzazione, basta cliccare sulle impostazioni avanzate della cassetta postale.
  • Infine basta inserire i parametri e impostare i settaggi standard, il cui inserimento è totalmente guidato.
  • Come passaggio conclusivo, basta cliccare sulla voce “Fatto” e compariranno tutte le mail configurate correttamente.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

DNS infostrada: funzionamento e descrizione nel dettaglio

Definiamo Sistema dei Nomi di Dominio (in inglese Domain Name System, DNS) come il sistema utilizzato per risolvere i nomi degli host in indirizzi IP. Gli host sono quei nodi della rete che “ospitano” gli altri nodi connessi (come ad esempio i telefoni e i computer), mentre gli indirizzi IP sono le “carte d’identità” di tutti questi nodi. Il DNS fu creato nel 1983 da Mockapetri, Partridge e Postel, come descritto nello standard Rfc 882, poi reso obsoleto dai più aggiornati Rfc1034 e Rfc1035.

Powerline: cosa sono e quali sono i prezzi più competitivi!

powerline

Le Powerline sono degli adattatori che consentono di far passare, tramite l’energia elettrica, una serie di dati utilizzando il meccanismo delle onde convogliate. Solitamente il loro utilizzo è fondamentale quando la connessione Wi-fi non riesce a coprire in maniera ottimale da distanza necessaria oppure se in casa sono presenti muri di uno spessore importante che non consentono la buona diffusione del segnale.

I più condivisi

La storia della connessione internet a casa: dal modem 56K all’ADSL

scrivania.jpeg

Le case degli italiani sono connesse grazie all’utilizzo dell’ADSL. Nonostante si siano fatte largo la fibra misto rame e la fibra ottica, tra le tecnologie più usate resta l’ADSL, motivo per cui quasi tutti i principali provider di servizi dedicati all’Internet riservano sempre delle offerte speciali. Ecco perché è bene consultare offerte internet casa sul sito adsl-it.