Il Samsung QLED da 55 pollici è un dispositivo Smart dal design elegante, minimalista e ricercato con le cornici così discrete e sottili per invitare lo sguardo a concentrarsi sulle immagini. Il design di questo televisore non lo rende un semplice elettrodomestico, ma un vero e proprio complemento d’arredo, infatti il Boundless design combinato alla funzione ambient mode, il televisore spento non resta un rettangolo scuro, una macchia nera nell’ambiente domestico, ma lo schermo è in grado di visualizzare l’immagine preferita che si può scegliere tra quelle messe a disposizione, trasformandosi in un quadro.

Caratteristiche tecniche del Samsung QLED 55 pollici

Il Samsung QLED 55 pollici è dotato di un pannello da 55 pollici con definizione a 4K (3840X2160 pixel) e si affida a un sistema Quantum HDR 1000 che intensifica la gamma luminosa. Dotato di un sistema di retroilluminazione (direct full Array 4X) che ottimizza e controlla la profondità di visione al buio. Sempre in ambito del display, il Samsung QLED 55 pollici si affida alla tecnologia Quantum Dot che migliora il realismo delle immagini nella vasta gamma cromatica.

Dal punto di vista del software, lo smart TV Samsung QLED 55 pollici ha un processore Quantum 4K che opera per migliorare la risoluzione e aggiungere nitidezza grazie all’ausilio di un algoritmo di Upscaling che sfrutta l’intelligenza artificiale per recuperare i dettagli e affinare la definizione. Inoltre, la tecnologia FreeSync (VRR) riduce il ritardo di ricezione del segnale, una funzione utile in modalità “gioco per consolle” dove si migliora l’esperienza di reattività durante i giochi che sono resi più fluidi e dinamici.

Le funzionalità prettamente “smart” permettono la compatibilità e l’interfacciamento con i sistemi Android, utilizzando Google Assistant e Amazon Alexa. Il Samsung QLED 55 pollici è anche compatibile con AirPlay2 pre-installato e serve per lo streaming e la condivisione di contenuti sia da dispositivi Mac, iPhone e iPad. Rispetto ai suoi competitor, l’apparecchio ha un App SmartThings integrata che permette al dispositivo di essere collegato ad altre componenti ed elettrodomestici grazie ai sensori IoT (Internet of Things) i quali possono controllare l’accensione e lo spegnimento delle luci o regolare la temperatura del forno (ma solo nel caso in cui anche gli altri dispositivi domotici siano in grado di interfacciarsi con lo smart TV).

Il comparto audio è dotato di un sistema Dolby Digital Plus da 40 W che rende meglio la qualità sonora se abbinato alla soundbar integrata.

A corredo, il Samsung QLED 55 pollici ha un telecomando one remote control e smart Hub che pur nella sua essenzialità e semplicità di uso permette di gestire e comandare tutto a distanza in modo intuitivo: app, TV, console, decoder.

Recensione sullo smart TV Samsung Qled 55 pollici

In ultima analisi, il Samsung QLED 55 pollici è un prodotto completo, dal rapporto qualità/prezzo competitivo sia rispetto alla qualità audio, video e funzioni smart offerte. La classe energetica è B. Ideale per il gaming online grazie alle funzioni smart complete e alle integrazioni IoT. Con AirPlay integrato per interagire anche con i dispositivi Apple, oltre ad essere compatibile Android.

Differenze tra schermo OLED e QLED

Samsung QLED da 55 pollici

La differenza principale tra schermo OLED e QLED è nella retroilluminazione. Gli schermi QLED sfruttano la retroilluminazione LCD con filtro colorato denominato quantum dot, pertanto l’acronimo corretto e per esteso dovrebbe essere QLCD-LED. La retroilluminazione LCD permette a questi televisori di essere molto sottili al pari dei TV OLED.

Come leggere l’etichetta dei modelli TV Samsung

I televisori sono spesso identificati da lunghe sigle che in sintesi riassumono tutte le principali caratteristiche del televisore stesso. Per esempio, il modello UE55TU8500UXZT si legge nel modo seguente:

  • La prima lettera è il codice prodotto che varia in base alla gamma;

migliori tv 55 pollici

  • La seconda lettera indica il paese di destinazione del prodotto ed è importante perché l’acquisto di un dispositivo fuori dalla regione di destinazione può compromettere la visione e la ricezione. La lettera “E” indica Europa, “N” per l’America, “A” per l’Asia e l’Australia.
  • Dopo il prefisso UE o QE segue un numero che indica i pollici dello schermo “55”, per esempio, significa che la diagonale del televisore è di 55 pollici;
  • La lettera che segue il numero indica l’anno di produzione. La lettera “T” corrisponde al 2020, “Q” corrisponde al 2019;
  • La lettera successiva a quella che identifica l’anno di produzione, specifica la risoluzione del display: “U” sta per Ultra HD 4K;

samsung qled 55

  • La successiva serie di numeri o lettere riguarda la gamma del televisore, per esempio nel caso dell “E55TU8500UXZT”, 8500 indica la serie dello smart TV, quanto più alto è il numero tanto maggiori sono le funzionalità (HDR, 4K, luminosità elevata, gestione del movimento, sistema operativo migliore e così via);
  • Le due lettere che seguono il numero di serie identificano rispettivamente il sintonizzatore e il design;
  • Le ultime due lettere si riferiscono al Paese di produzione, ZT identifica l’Italia.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

DNS infostrada: funzionamento e descrizione nel dettaglio

Definiamo Sistema dei Nomi di Dominio (in inglese Domain Name System, DNS) come il sistema utilizzato per risolvere i nomi degli host in indirizzi IP. Gli host sono quei nodi della rete che “ospitano” gli altri nodi connessi (come ad esempio i telefoni e i computer), mentre gli indirizzi IP sono le “carte d’identità” di tutti questi nodi. Il DNS fu creato nel 1983 da Mockapetri, Partridge e Postel, come descritto nello standard Rfc 882, poi reso obsoleto dai più aggiornati Rfc1034 e Rfc1035.

Powerline: cosa sono e quali sono i prezzi più competitivi!

powerline

Le Powerline sono degli adattatori che consentono di far passare, tramite l’energia elettrica, una serie di dati utilizzando il meccanismo delle onde convogliate. Solitamente il loro utilizzo è fondamentale quando la connessione Wi-fi non riesce a coprire in maniera ottimale da distanza necessaria oppure se in casa sono presenti muri di uno spessore importante che non consentono la buona diffusione del segnale.

I più condivisi

La storia della connessione internet a casa: dal modem 56K all’ADSL

scrivania.jpeg

Le case degli italiani sono connesse grazie all’utilizzo dell’ADSL. Nonostante si siano fatte largo la fibra misto rame e la fibra ottica, tra le tecnologie più usate resta l’ADSL, motivo per cui quasi tutti i principali provider di servizi dedicati all’Internet riservano sempre delle offerte speciali. Ecco perché è bene consultare offerte internet casa sul sito adsl-it.