Sebbene lo Smart Working, almeno in Italia fosse, fino a poco tempo fa, un’opzione decisamente poco considerata dalle aziende e dai lavoratori, negli ultimi de anni è diventata, massivamente, la condizione lavorativa della maggior parte dei professionisti e delle aziende. A marzo 2020, infatti, sono iniziate le prime restrizioni a causa del Covid-19, e tra queste c’era l’obbligo di smart working per la maggior parte delle categorie di lavoratori.

Sebbene poche aziende, fino a quel momento avessero preso in considerazione l’idea del telelavoro, attualmente sono molte quelle che, invece, vogliono mantenere queste modalità anche in futuro. Lo smart working ha sicuramente i suoi benefici, sia da un punto di vista di produttività che da un punto di vista economico, soprattutto per le grandi aziende.

I contratti che regolano lo smart working

È importante sapere, però, che perché si possa lavorare con il cosiddetto lavoro agile è necessario seguire un regolamento ben preciso che viene regolato per lo smart working, tramite un contratto tra azienda e dipendente. Ogni contratto è differente, in base all’impresa che lo stipula, ma ci sono delle regole che non si possono prescindere inquanto dettate dalla legge.

Nei prossimi paragrafi vi spiegheremo quali sono le leggi fondamentali che devono essere presenti nel regolamento per lo smart working perché i dipendenti lavorino in sicurezza, come se fossero in ufficio.

Regole che riguardano salute e sicurezza

All’interno del contratto che contiene il regolamento per lo smart working devono essere presenti tutti i riferimenti che riguardano la salute del dipendente e la sua sicurezza, dall’orario di lavoro che non deve superare un totale di ore settimanali, fino alle modalità di gestione delle attività lavorative.

Comunicare l’accordo al ministero del lavoro

Il contratto contenente il regolamento per il telelavoro, deve successivamente essere comunicato al ministero del lavoro, tramite la compilazione di un modulo sull’apposito portale. Le informazioni che verranno richieste all’azienda sono:

  • I dati anagrafici del dipendente e del titolare dell’azienda;
  • Il contratto che regola i rapporti lavorativi;
  • La data di inizio e la durata del periodo di telelavoro, con conseguente scadenza del regolamento per lo smart working;

Diritto alla disconnessione

I lavoratori che si occupano di attività che richiedono il costante utilizzo di computer o laptop devono necessariamente avere a contratto il “diritto alla disconnessione” dai vari dispositivi tecnologici per 15 minuti ogni due ore. Questa clausola deve essere necessariamente scritta all’interno del regolamento per lo smart working.

Orari e limiti giornalieri e settimanali

All’interno del regolamento per lo smart working devono essere indicati gli orari in cui il dipendente deve essere reperibile e questi ultimi devono essere conformi alle norme vigenti, riguardo i limiti massimi di ore settimanali di lavoro approvate dalla legge.

Corsi di formazione

Il lavoratore che opera da casa deve avere riconosciuti, all’interno del regolamento per il telelavoro gli stessi corsi di formazione, volti all’apprendimento di nuove competenze e aggiornamenti di settore, a cui hanno diritto i dipendenti che lavorano all’interno degli uffici.

Polizza per gli infortuni ed eventuali malattie professionali nel regolamento per lo smart working

regolamento per lo smart working

Il regolamento per lo smart working prevede un’intera sezione he riguarda l’assicurazione che l’azienda fornisce al lavoratore per tutelarlo in caso di infortuni, avvenuti durante l’orario di lavoro, ed eventuali malattie professionali per quanto riguarda alcune categorie professionali.

Regole sui controlli a distanza nel regolamento per lo smart working

Anche se il lavoratore in smart working ha maggiore libertà di gestione sulle attività lavorative, può essere comunque soggetto a controlli da remoto da parte del datore di lavoro, o chi per lui. Naturalmente questi controlli devono essere regolamentati tramite il contratto di regolamento per lo smart working, basandosi sulle norme vigenti nello statuto dei lavoratori.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Allarme domotico: cosa sapere prima dell’acquisto!

allarme domotico

In questo articolo vogliamo parlarvi degli dell'allarme domotico fornendovi tutte le informazioni necessarie a scegliere il miglior dispositivo per proteggere la vostra casa da possibili intrusioni.

Google speed test: cos’è, come funziona e a chi serve davvero?

Google speed test

Capita di avere dei rallentamenti di connessione durante la navigazione che possono dipendere dalla rete o da svariate altre cause. È, a volte, necessario effettuare uno speed test o test della velocità per capire se esiste un rallentamento reale della trasmissione dati. Uno dei misuratori più affidabili è lo il Google speed test.

Iliad a casa: servizi per internet e tariffe applicabili al mondo consumer

Iliad è un gestore di telefonia francese. L’azienda viene fondata nel 1991 divenendo nel 1999 in Francia il secondo fornitore di servizi per internet. Iliad si affaccia sul mercato italiano nel 2016 dopo una serie di accordi e collaborazioni con i gestori del gruppo Wind/Tre con i quali ha condiviso per un certo periodo la rete. 

Segnalazione di un guasto Tim: ecco a chi rivolgersi

Immagine esemplificativa per l'articolo sui Guasti Telecom

A tutti sarà capitato almeno una di avere un problema di qualche tipo con un operatore telefonico, ovviamente questo può accadere anche con la linea telefonica oppure internet di Telecom.

Vodafone hotspot: guida completa all'utilizzo di questa funzione

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Vodafone hotspot: guida completa

Un hotspot è una funzione – nota anche con il nome di tethering – che permette di condividere con altri dispositivi una connessione a internet generata da una SIM inserita nello smartphone (o altro dispositivo mobile come tablet, notebook purché dotati di modulo “cellular” per inserire la sim card).

Offerte Very Mobile: vi sveliamo quelle da non perdere

offerte very mobile

L’avvento del mercato libero nella telefonia mobile ha aperto tantissime possibilità agli operatori del settore ed anche ai clienti come noi, che hanno visto fioccare tantissime offerte nuove e molto convenienti. 

I più condivisi

Dizionario Latino online, uno strumento davvero utile

dizionario-latino-online.png/

Può capitare qualche volta di dover tradurre una porzione di versione di Latino oppure una semplice frase, ma non avere la preparazione scolastica di base adeguata oppure il tempo necessario per fare tutto questo. In tal caso, ancora una volta, internet e la sua tecnologia possono dare un aiuto importante, grazie all’uso di un dizionario di Latino online. Infatti, come vedremo, di questo genere di vocabolari ne esistono di varie tipologie e la maggior parte di semplicissimo utilizzo.

Convertitore mp3 online, ecco di cosa si tratta

convertitore-mp3-online.png/

Alcune persone amano sentire della musica in alcuni momenti della giornata, soprattutto quando ci si trova sui mezzi pubblici o ci si rilassa durante una passeggiata, attraverso vari dispositivi elettronici. E per potervi inserire dei brani musicali, magari scaricati dal web, si necessita di un convertitore mp3 online, che consenta di convertirli appunto in una modalità facilmente leggibile da qualsiasi sistema elettronico e così poterli ascoltare ovunque ci si trovi e quando si desidera.

Speed Test ADSL Alice: ecco come fare

Se ci sono problemi tecnici sulla linea ADSL Telecom (Tim) o si desidera sottoscrivere un piano ADSL Alice ma non si è sicuri che la propria zona di residenza sia coperta dal servizio, è possibile effettuare un test di misurazione della velocità di rete, ovvero uno speed test ADSL Alice. Il test si può fare in completa autonomia e tramite alcuni diversi strumenti anche online senza la necessità di scaricare alcun software specifico o installare programmi aggiuntivi. Prima di avviare la misurazione occorre accertarsi che sul PC non siano in funzione software, cosiddetti P2P, ovvero gli uTorrent oppure eMule, che tendono a rallentare molto l’esperienza di navigazione, così come è bene assicurarsi che non vi siano altri dispositivi collegati che stiano in fase di download o upload perché questo potrebbe ovviamente falsificare i risultati.

Speed test ADSL Telecom: misura la velocità della tua connessione

Capita a volte che per cause diverse si possano verificare dei rallentamenti nella connessione di rete. Vi sono degli strumenti digitali e online che permettono di misurare lo stato e la velocità di connessione. In particolar modo se possiedi una connessione ADSL o fibra di (ex)-Telecom – oggi TIM - si può effettuare uno speed test dell’ADSL Telecom. I misuratori di velocità online sono facili da utilizzare e in pochi secondi e gratuitamente forniscono un dato certo e affidabile sulla velocità di connessione in download e upload che si tratti della linea domestica o dell’ufficio. Capire la performance della propria rete di navigazione internet può semplicemente servire per soddisfare una curiosità oppure essere un valido strumento per valutare l’opportunità di cambiare gestore di rete o internet provider.