Dopo avervi parlato di mouse oggi tocca ai portatili. Un portatile rappresenta un importante compagno nella nostra vita digitale, tanto utile al lavoro quanto nei momenti dedicati all’intrattenimento. Decidere quale sia il modello migliore però è un dilemma considerato l’affollamento del mercato in questo settore. In questa classifica, vengono proposti alcuni fra i migliori pc di questa tipologia per creare una vera e propria top 5 dei portatili delle principali marche!

Come vedremo, i portatili prescelti per questa classifica hanno un buon rapporto qualità prezzo ma, è ovvio che, sul mercato se ne trovano di migliori, più economici ma anche di più performanti. Però, nel caso stiate valutando di comprare un portatile che concili la mobilità con il valore nel tempo, allora, questa top 5 è da tenere in considerazione!

Come scegliere un notebook

La scelta di un notebook fra i migliori è principalmente legata all’utilizzo che se ne deve fare e al limite di spesa. Le esigenze di uno studente sono diverse da quelle di un professionista, così come un portatile per il lavoro è diverso da uno che si acquista per lo svago e il tempo libero. E ancora, un portatile per lavoro di ufficio avrà caratteristiche diverse da chi utilizza il computer per la grafica, la progettazione o altra attività che richiede una notevole capacità e velocità di calcolo. Avendo chiarito, dunque, lo scopo per cui acquistare un nuovo portabile, occorre valutare tutte le discriminanti di scelta in base a questo punto di partenza: dall’hardware, al software, dall’estetica, alla capacità di memoria.

Come scegliere le componenti dell’hardware

Quando si acquista un notebook fra i migliori è bene ricercare e studiare la scheda tecnica. L’hardware è il “corpo fisico” del portatile e si compone di parti e componenti le cui caratteristiche di robustezza, affidabilità e qualità fanno la differenza tra le varie macchine, nonché fanno la differenza rispetto al software che andranno a supportare. Gli elementi principali hardware sono: il display (o schermo), il processore, la scheda RAM, la memoria o capacità di storage interno, la tastiera o touchpad, le porte USB, eventuale presenza di lettore CD masterizzatore.

Lo schermo o display è spesso sottovalutato, ma trattandosi della parte che sollecita maggiormente la vista sia durante le ore di lavoro, sia per lo svago non è affatto un dettaglio. Un buon display deve permettere una visione corretta in qualsiasi condizione di luce e ambiente. Le tipologie di display sono a schermo lucido o opaco, qualità TN, LCD, IPS o OLED e dalle risoluzioni HD, Full HD e 4K, nonché rapporti di visualizzazione a 16:9 o a 3:2 (più indicati per il lavoro o la consultazione di documenti). Le dimensioni si calcolano in pollici e in commercio per i notebook migliori ci sono i due standard da 13 pollici e da 15 pollici. La combinazione più “economica” è un notebook con display FullHD con tecnologia IPS, mentre la combinazione eccellente – e costosa - è un display OLED con risoluzione 4K.

Il processore è il cuore del computer, quanto più è potente, maggiore sarà la sua capacità di calcolo, gestione e velocità di risposta. I processori leader da anni sul mercato sono Intel e la controparte AMD. Della serie Intel si ricordano i processori entry level Core i3 e i successivi Core i5 e Core i7; mentre alla famiglia AMD appartengono i processori Ryzen (3, 5, 7). I processori più economici sia per Intel che AMD sono rispettivamente iCore3 e Ryzen3, nella fascia medio alta si collocano il Core i5 e il ryzen5 (ideali per la maggior parte delle esigenze sia di lavoro che personale), mentre nella fascia alta si collocano il core i7 e il Ryzen7, ma sono macchine che vale la pena acquistare solo se lo richiede la necessità.

La RAM o memoria interna è la capacità di immagazzinamento dei dati: maggiore è la memoria in termini di Giga, maggiore è la capacità. In genere, 4 GB di RAM sono sufficienti per le operazioni elementari o di base. La capienza ideale è una RAM da 8 GB con possibilità di espansione almeno fino a 16 GB.

I dati vengono salvati e immagazzinati sull’hard disk o disco rigido, il supporto fisico su cui vengono memorizzati i dati. I classici hard disk sono di tipo HDD, ma sono caratterizzati da memorie lente e soggette a usura anche se possono raggiungere dimensioni da 1 Tera (TB). La nuova generazione di hard disk su cui vale la pena puntare è il modello SSD, che sono notevolmente più veloci in scrittura e lettura, più agili, reattive e meno soggette a usura. Nelle combinazioni di fascia medio alta, è possibile trovare notebook con hard disk misti HHD e SSD: una soluzione saggia su cui installare il sistema operativo sul modulo SSD, mentre gli altri dati su quello HHD. La “taglia” minima consigliata di memoria per l’hard disk è di 256 GB. Scegliere un modulo SSD è una garanzia di longevità del portatile.
In un portatile, le componenti fisiche come tastiere, touchpad non sono quasi mai prese in considerazione. Tuttavia, sul lungo termine, una scelta scarsa rivela dei problemi noiosi anche se non irrisolvibili. Le tastiere e i touchpad per notebook non sono meccaniche e in genere mostrano tutti delle pecche come una cattiva precisione di puntamento del mouse, cattivo funzionamento del touchpad, caratteri e simboli che nel tempo si cancellano sulle keycaps, perdita di sensibilità alla pressione. Problemi che si possono ritardare o eliminare optando per portatili di fascia medio alta, budget permettendo.

Le porte USB, invece, sono poco considerate dai produttori che si limitano allo stretto necessario, ma che invece sono molto utili all’utente che sempre più spesso vi deve annettere un mouse esterno, uno schermo esterno, un masterizzatore, chiavi internet e così via. I produttori di fascia alta, riducono il numero delle porte a un massimo di 2 USB relegando il tutto ai dongle esterni ugualmente molto costosi. L’ideale sarebbe dotarsi di un portatile con almeno 3 porte USB full size, 1 uscita jack audio, 1 per HDMI e un lettore di schede SD. I portatili di vecchia generazione o entry-level, in realtà sono dotati di tutti questi supporti, ma a scapito delle dimensioni di memoria, scarsa qualità video e processori lenti. Cosa fare? Nell’impossibilità è meglio optare per PC con porte reversibili USB-C che permettono di collegare il dispositivo a monitor esterni e sfruttare i GPU delle unità esterne.

Infine, sempre dal punto di vista “fisico”, non sono da sottovalutare i materiali di costruzione, la scocca e la robustezza del dispositivo.

Non è facile dare un’indicazione specifica su quale sia il migliore notebook attualmente sul mercato perché, in primis, ognuno di noi ha esigenze diverse: c’è chi ha bisogno di un PC soltanto per navigare e per attività leggere e c’è chi invece, per lavoro, potrebbe aver bisogno di un laptop più fra i più potenti sul mercato.

In questa piccola rassegna troverete però dei notebook e dei convertibili interessanti in toto, dal design alle funzioni particolari fino alla spiegazione delle schede tecniche più equilibrate e moderne. Quindi, di seguito, ecco la nostra scelta dei migliori notebook.

portatile
Compra su Amazon

DELL XPS 13 9370 1.80GHz i7-8550U. Uno dei Migliori Notebook in circolazione

In questa classifica non può mancare, ovviamente, uno dei PC Windows che risulta tra i più apprezzati. Il modello XPS 13 racchiude, infatti, tutto ciò che necessita per il lavoro in uno strumento dal design compatto e curato con un peso che parte da 1,2 kg.

Parlando di hardware, momentaneamente, è disponibile la nuova versione con i Kaby Lake R-9370 sulla quale si trova Intel Core di ottava generazione, serie U; la RAM LPDDR3 di 1.866 MHz con 8 o 16 GB e SSD fra 128 e 1 TB. Naturalmente la grafica è di tipo integrato e su ognuno si trova l’apprezzatissimo display da 13,3 pollici InfinityEdge con le cornici sottili e risoluzione full HD oppure QHD+ a 3.200 x 1.800 pixel. Il prezzo parte da 1610,30 euro.

Migliori portatile
Compra su Amazon

Asus ZenBook UX331UN-EG002T Ultrabook

Con 1007.60 euro, invece, si può acquistare l’ottimo modello della ASUS da 13 pollici definito anti-MBP. Stiamo parlando dello Zenbook UX331 che monta l’Intel Core i7-8550U, cioè Kaby Lake R; sino a 16 GB di RAM, l’SSD PCIe ed un display da 13,3 pollici gestito dalla più che rispettabile GPU MX150. Tutto questo con un peso di soli 0,98 kg.

Migliori pc
Compra su Amazon

Acer Notebook Swift 3 SF314-52-552X

Una fra le alternative più interessanti e con un buon rapporto qualità prezzo è l’Acer Swift 3. Questo portatile monta componenti moderni, quali l’Intel Core i5-8250U, ben 8 GB di RAM e l’SSD da 256 GB ed inoltre un lettore di impronte, un display full HD ed una tastiera retroilluminata.

L’unico difetto è l’ingombro, data la diagonale da 14″ ma si tratta di un dettaglio sul quale si può sorvolare considerato che si acquista a partire da 649.99 euro.

Notebook
Compra su Amazon

HP Spectre x360 13-ae001nl Notebook Convertible

Il marchio HP offre vari modelli in grado di competere sul mercato con marchi più blasonati ma, forse, il modello più interessante della gamma dei convertibili viene rappresentato dello Spectre x360 grazie all’ottima fornitura hardware. Leggero e disponibile nelle ultime versioni, le quali oltre al processore Kaby Lake R sono state oggetto di un discreto restyling. E’ possibile averlo già con 1327.99 euro.

Migliori Notebook
Compra su Amazon

Original Xiaomi Mi Notebook Air 13.3. Senza dubbio uno dei Migliori Notebook dell'attuale generazione

870,00 euro per questo portatile che monta il processore Intel Core i5 7200U, quindi Kaby Lake, con 8 GB di RAM a DDR4, l’SSD PCIe da 256 GB e uno slot aggiuntivo PCIe vuoto e, nientemeno che una GPU dedicata, la NVIDIA GeForce MX150, e un lettore di impronte digitali. Si tratta di caratteristiche ottime per un dispositivo che ha il peso di 1,3 kg e uno spessore di 14,8 mm. Peccato però per la natura orientale di questo prodotto, il quale, senza intervento dell’importatore, viene spedito con il sistema operativo Windows 10 in cinese che comunque si può cambiare e la tastiera con il layout americano.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

DNS infostrada: funzionamento e descrizione nel dettaglio

Definiamo Sistema dei Nomi di Dominio (in inglese Domain Name System, DNS) come il sistema utilizzato per risolvere i nomi degli host in indirizzi IP. Gli host sono quei nodi della rete che “ospitano” gli altri nodi connessi (come ad esempio i telefoni e i computer), mentre gli indirizzi IP sono le “carte d’identità” di tutti questi nodi. Il DNS fu creato nel 1983 da Mockapetri, Partridge e Postel, come descritto nello standard Rfc 882, poi reso obsoleto dai più aggiornati Rfc1034 e Rfc1035.

Powerline: cosa sono e quali sono i prezzi più competitivi!

powerline

Le Powerline sono degli adattatori che consentono di far passare, tramite l’energia elettrica, una serie di dati utilizzando il meccanismo delle onde convogliate. Solitamente il loro utilizzo è fondamentale quando la connessione Wi-fi non riesce a coprire in maniera ottimale da distanza necessaria oppure se in casa sono presenti muri di uno spessore importante che non consentono la buona diffusione del segnale.

I più condivisi

La storia della connessione internet a casa: dal modem 56K all’ADSL

scrivania.jpeg

Le case degli italiani sono connesse grazie all’utilizzo dell’ADSL. Nonostante si siano fatte largo la fibra misto rame e la fibra ottica, tra le tecnologie più usate resta l’ADSL, motivo per cui quasi tutti i principali provider di servizi dedicati all’Internet riservano sempre delle offerte speciali. Ecco perché è bene consultare offerte internet casa sul sito adsl-it.