Internet senza fili, più comunemente noto anche come wi-fi (acronimo di wireless fidelity), è la tecnologia che permette di connettersi appunto ad Internet senza fili, cioè senza l’utilizzo di cavi, bensì sfruttando gli impulsi di energia trasmessi dalle onde elettromagnetiche. Gli impulsi vengono emessi tramite un router e indirizzati verso tutte le apparecchiature dotate di un sistema di ricezione dei dati senza fili e con esse interagiscono.

Come si passa dall’ethernet a internet senza fili

La gestione delle connessioni di rete per navigare in internet avveniva – e avviene, nei casi in cui non si utilizza il wi-fi – tramite la rete Ethernet. Si tratta di una connessione “cablata” – che avviene tramite cavo collegato alle apparecchiature e utilizza gli impulsi elettrici (e non elettromagnetici) per inviare i dati sfruttando ciò che in informatica si chiama linguaggio binario tra i dispositivi collegati in rete. Il “limite” della connessione cablata (Ethernet) è la lentezza di connessione dovuta alla resistenza posta dagli elettroni all’interno dei cavi. l'Internet senza fili, effettivamente, ha riscontrato un successo di mercato perché ha velocizzato molto e alleggerito la navigazione in internet – purché il segnale non venga ostacolato o schermato da pareti o interferenze.

Come funziona l'internet senza fili? E perché è diventato uno standard mondiale per la connettività? Le ragioni della diffusione del wi-fi sono implicite nella sua tecnologia e nel modo in cui ha “rivoluzionato” la comunicazione. La connessione senza fili sfrutta le onde elettromagnetiche per trasmettere dati binari e comunicare con il dispositivo (Pc, notebook, tablet, smartphone) attraverso il quale si effettua la prima configurazione del router. Dopo il primo avvio, il modem – spesso incorporato nello stesso router – elabora i dati e li trasforma in una serie di impulsi elettromagnetici in un’alternanza di onde “alte” e “basse” (la frequenza). Questi impulsi sono a loro volta ricevuti e decodificati dai dispositivi circostanti che vi si possono connettere purché dotati di un’antenna o ricevitore di rete internet senza fili.

Un esempio può aiutare a chiarire le idee: basta immaginare il router wi-fi come un’antenna che vibra a un determinata frequenza. La trasmissione dei dati dura un certo lasso di tempo – ovvero ogni 100 ms il router trasmette un pacchetto di dati chiamato in gergo beacon e che contiene la SSID della rete (i dati identificativi della rete di connessione). L’obiettivo è quello di inviare informazioni “recepibili e leggibili” dal dispositivo di ricezione (PC o altro). Gli impulsi ricevuti dal dispositivo di ricezione forniscono istruzioni su cosa fare per ciascun pixel dello schermo. La frequenza delle vibrazioni e degli impulsi sono mantenuti tra i 2,4 GHz e i 5 GHz per evitare le interferenze con altre onde magnetiche emesse da altri dispositivi e apparecchiature elettroniche come il forno microonde, la TV, le altre reti mobili. Infatti, la frequenza a 5GGHz ha un raggio di azione inferiore al 2,4 GHz, ma è per questo meno soggetta a interferenze e la velocità di trasmissione dei dati è superiore.

 Internet senza fili

Una rete internet senza fili quindi si compone di un modem/router che funziona da punto di accesso della rete e che si rende sorgente del segnale e da un client o dispositivo ricettore – computer o altro apparecchio wi-fi – che si connette alla rete. Il dispositivo di ricezione quindi si connette grazie al segnale radio proveniente dal modem/router che a sua volta è collegato alla rete fornita dall’ISP, ovvero il gestore telefonico di riferimento. Il wi-fi non serve solo per la connessione a internet, ma anche per mettere in collegamento e far dialogare tra loro i vari dispositivi dotati di antenna wi-fi (Pc con smart TV, gli smartphone con gli speaker, lo stereo con il PC e così via senza che questi necessitino di utilizzare internet).

Cenni storici sul wi-fi

Internet senza fili

La Wireless History Foundation è un’organizzazione senza scopo di lucro istituita per la promozione e la divulgazione delle reti Internet senza fili. L’associazione sostiene che la nascita del wi-fi risalga al 1896 con il primo messaggio telegrafico senza fili inviato da Guglielmo Marconi. Effettivamente, l’idea di inviare un messaggio via radio nell’etere senza utilizzare un supporto fisico – come i cavi elettrici – è alla base della tecnologia del wireless, ma il vero atto costitutivo della tecnologia così come la conosciamo oggi risale al 1985 quando la Federal Communictions Commission – l’ente statunitense che regolamenta il settore delle telecomunicazioni – decise di liberare alcune frequenze per metterle a disposizione dell’uso civile senza obbligo di licenza. Fu solo nel 1999 che si mise a punto il primo protocollo wi-fi IEEE 802.11b, la cui tecnologia fu perfezionata e definita, determinandone il suo rapido sviluppo e diffusione.

Quali sono le classi e le bande di frequenza

Internet senza fili

Ma cosa significa la sigla IEEE? È una certificazione o classe che stabilisce gli standard tecnologici a cui i produttori si devono attenere quando realizzano i dispositivi Internet senza fili. Tutte le classi wi-fi riconosciute a livello globale sono identificate con il numero 802.11 seguito da una lettera dell’alfabeto. Le classi standard esistenti sono nove, ma i protocolli più utilizzati sono quattro; ciascuno di questi identifica anche le rispettive velocità di trasmissione dati espresse in Mbps:

  • Wi-Fi classe b (802.11b) – 11 Mbps.
  • Wi-Fi classe g (802.11g) – 54 Mbps.
  • Wi-Fi classe n (802.11n) – 300 o 450 Mbps.
  • Wi-Fi ac (802.11ac) – 1.3 Gbps (1.331 Mbps).

Quest’ultima - la classe wi-fi ac – è di ultima generazione e supporta sia la banda di frequenza a 2,4 GHz che le bande a 5G Hz. L’ulteriore evoluzione è lo standard 802.11 ac wave 2 con prestazioni maggiorate sulla velocità di trasmissione e stabilità del segnale soprattutto all’interno di una rete locale. L’ultima frontiera della tecnologia Internet senza fili è il MU-MIMO, acronimo per Multiple User, Multiple Input, Multiple Output il cui obiettivo è gestire più dispositivi simultaneamente.

Il segnale wi-fi emesso da un router copre in genere un’area compresa tra 50 e 100 m2, ma è possibile potenziare la rete attraverso l’uso di specifiche apparecchiature come gli access point o i ripetitori Wi-fi da collocare nei diversi ambienti di casa e ufficio e che estendono o amplificano il segnale in tutti gli ambienti in cui sono collocati, per un utilizzo stabile della connessione Internet senza fili.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Potrebbe interessarti

Lampadine Google Home: ecco le migliori compatibili

Lampadine Google Smart Home

L'argomento della casa domotica e sempre più interessante e fra i dispositivi più acquistati ci sono quelli dell’illuminazione Wi-Fi, ovvero le lampadine Google smart home. accesso Gli assistenti vocali sono sempre più diffusi nelle nostre abitazioni, infatti la gestione dell'elettronica smart è sempre più intuitiva e facile.

Tim Impresa Semplice diventa Tim Business: tutto quello che devi sapere

tim impresa semplice

Aziende, imprese e uffici per svolgere al meglio le attività lavorative hanno bisogno di servizi telefonici, internet ADSL e piani tariffari adeguati. Telecom – da diversi anni – ha sviluppato per le aziende e i professionisti una piattaforma online che si chiama Tim Impresa Semplice, ora diventata più comunemente nota come Tim Business

FTTC e FTTH: scopri quale scegliere per le tue esigenze

Differenze tra FTTC e FTTH

Partiamo con il dire che queste due sigle sono degli acronimi riferiti alle due modalità più conosciute e diffuse di connessione alla rete, in fibra ottica. Ci sono diverse differenze tra FTTC e FTTH, queste due tecnologie, infatti, non solo si differenziano a livello di infrastruttura di realizzazione, ma anche per altri fattori, come la velocità massima di navigazione che grazie all’FTTH ha raggiunto il picco.

Negozi Tim a Roma: ecco come trovarli agevolmente

Negozi Tim a Roma

Tim è il gestore più attivo in Italia con un’ampia programmazione tariffaria per le imprese e gli utenti privati e con servizi di utenza industriale e domestica. La rete di negozi Tim in tutta Italia è capillare; nelle metropoli, la concentrazione è più alta, non è dunque sorprendente immaginare che i negozi Tim a Roma sono più di cento e diffusamente distribuiti sul territorio metropolitano e in provincia.

PC Samsung: novità e ultimi modelli sul mercato dei computer

PC

L’azienda Samsung è tornata nel 2020 sul mercato, per quanto riguarda i PC Samsung, con tre nuovi modelli di portatile che saranno disponibili a brevissimo in Italia:

Offerte Linkem per ADSL: una selezione di quelle più vantaggiose

Offerte Linkem

Con il mercato libero, i servizi e i gestori sono sempre più vari e offrono un’ampia gamma di scelte – a volte troppe; nel mondo della telefonia, da decenni, si è affacciata una realtà che sta sempre più conquistando il favore dei clienti ed è Linkem. È un’azienda di telecomunicazioni italiana che nasce a Roma nel 2001 ed è specializzata nella fornitura di servizi a banda larga wireless utilizzando la tecnologia WiMax, Wi-fi e HiperLan. 

I più condivisi

Email Marketing: che cos’è e quali sono i vantaggi

email-marketing.png

Stai pensando di avviare per la tua azienda un’attività di marketing diretto? In questo articolo approfondiamo l’Email Marketing e vediamo quali sono i vantaggi che riesce ad ottenere l’azienda utilizzando tale tecnica nella propria strategia di marketing

Come utilizzare i Social Network in sicurezza: alcune dritte

come-utilizzare-social-network-sicurezza.jpg

Nell’era di internet, sapere come utilizzare i Social Network in sicurezza è fondamentale per evitare truffe o eventuali problemi minori. Dal momento in cui i nostri cellulari sono diventati irrinunciabili, siamo abituati a svolgere tante azioni, come cercare informazioni, fare shopping online. L’uso che ne facciamo, però, è talvolta errato: non dimenticare mai di proteggerti sul web.

Programmi per creare loghi: una guida ai migliori tools

applicazioni videochiamate

Creare un marchio può non essere facile, per questo motivo esistono diversi programmi per creare loghi gratuiti o a pagamento che ti daranno un vantaggio sul tuo processo realizzazione.

Geocodifica massiva di indirizzi: che cos’è e perché è importante

geocodifica.jpg

Disporre di indirizzi e informazioni geografiche precise, al giorno d’oggi, è della massima importanza per qualunque business e attività. Basti pensare al successo di un programma come Google Maps, che grazie alla sua versione mobile e alle molteplici funzionalità offerte, viene utilizzato ormai da milioni di aziende e professionisti in tutto il mondo. In numerosi ambiti la geocodifica e quindi la possibilità di ricavare le coordinate geografiche a partire da un indirizzo si conferma come un fattore chiave per garantire servizi di qualità, risultando di gran lunga più competitivi sul mercato.

 

 

 

  

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina