Oggi vi illustriamo nel dettaglio come creare un dominio di rete. Vi spiegheremo come fare e quali strumenti usare. La rete Internet è come l'oceano: enorme e priva di direzioni preferenziali. Chiunque abbia un'attività, venda un prodotto o un servizio, o, semplicemente, voglia mettersi in evidenza e farsi conoscere dal mondo intero, ha necessità di occupare un piccolo angolo nel mare di Internet. 

Ecco che cos'è 

Ogni posizione del web è caratterizzata da coordinate che la identificano in modo univoco; per semplicità, essa viene detta dominio e identificata da un nome che ne rappresenta l'indirizzo e che deve essere digitato per raggiungerla. 

Per creare un proprio dominio, la prima cosa da fare è assicurarsi di scegliere un nome che sia ancora disponibile, che sia facilmente memorizzabile, che illustri con chiarezza il contenuto del sito, che sia personalizzato e che sia unico. Per essere certi di effettuare una scelta efficace dal punto di vista del marketing ci si può rivolgere a società che si occupano di gestione dei domini, offrendo estensioni particolari - da .org a .computer o, ancora, .sport o .com - a seconda delle esigenze, come Shopify Dominio online.

La scelta del nome del dominio deve essere fatta soprattutto nell'ottica dei motori di ricerca. Quando viene effettuata una ricerca, infatti, i vari motori di ricerca si rifanno a tutta una serie di classificazione dei nomi dei domini, dando la priorità a quelli ben indicizzati. Sembra che un motore di ricerca come Google, nel 2020, utilizzi centinaia di parametri per l'indicizzazione, a partire da quelli strettamente tecnici, come la valutazione dei tempi medi di risposta, fino a quelli relativi al contenuto, come il peso delle immagini e il loro tempo di download.

Suggerimenti per la scelta più efficiente

Immagine d'esempio per l'articolo Il dominio nella Rete: come creare il proprio progetto

La prima importante valutazione è la scelta del dominio di primo livello (TLD, top-level domain). Il TLD è la sigla che segue il punto, cioè la cosiddetta estensione. Ad esempio, per un dominio la cui azione si svolgerà soprattutto a livello nazionale si potrà scegliere il TLD .it, mentre .com sarà la scelta più avveduta per un'attività che si svolge principalmente a livello internazionale. 

La seconda decisione riguarda il nome completo del dominio. Qui è necessario fare riferimento agli algoritmi usati dai motori di ricerca come Google per eseguire le scelte ed effettuare il posizionamento nell'elenco delle risposte. Se negli anni passati, fino al 2012, Google privilegiava i domini che contenevano le keywords, cioè le parole chiave digitate dagli utenti, adesso, nel 2020, tende a privilegiare i domini brandable, cioè quelli che contengono il nome dell'azienda. La scelta migliore resta quella di mixare le keywords con l'indicazione del marchio aziendale. Quindi, ad esempio, per un sito web che si occupa di vendita di computer, al posto di computer.com, è più efficace utilizzare Rossicomputer.com, così da incrementare la personalizzazione.

Il nome del dominio deve essere facilmente memorizzabile e facilmente digitabile. Non sono consigliabili i nomi troppo complessi o che richiedono troppi virtuosismi sulla tastiera: Internet è anche sinonimo di rapidità. Una ricerca troppo lunga e complessa tende a indirizzare verso altri risultati e altri domini.

Come mettere una rete a dominio

Con l’espressione “mettere una rete a dominio” si intende collegare un insieme di computer dotati degli stessi parametri di sicurezza e di accesso su un database comune. I computer all’interno di una rete di dominio possono appartenere a diverse LAN purché abbiano in comune i seguenti elementi, come:

  • Un nome univoco;
  • Un amministratore di sistema;
  • Uno o più server;
  • Credenziali di accesso comuni;
  • Limitazioni di accesso in base alle impostazioni del PC.

Un dominio di rete può includere anche centinaia di apparecchi collegati, si tratta di configurazioni impostate per le reti aziendali dove si richiede il controllo degli accessi e le limitazioni di attività per alcuni determinati utenti connessi. Per creare un dominio di rete occorre un sistema operativo (per esempio Windows), un server su cui è installato il sistema e su cui si attiveranno tutte le policy di sicurezza e le autorizzazioni richieste. L’utente della rete in dominio comune non deve fare altro che collegare e inserire il proprio PC alla rete impostata tramite una procedura semplice. L’elaboratore dell’utente deve, ovviamente, essere stato autorizzato dal server, avere le credenziali di accesso e un sistema operativo abilitato o compatibile: l’utente che aggiunge il proprio device in rete deve quindi conoscere il nome di dominio, i dati e la password.

Come aggiungere un dispositivo alla rete

Premesso che il server sia stato ben configurato, il client (utente) per aggiungersi al dominio di rete deve premere con il tasto destro del mouse sull’icona che permette di accedere alle Risorse del computer e di seguito entrare nelle “proprietà”. Nella finestra che si apre delle “proprietà” si seleziona dal menù il nome del computer e si inserisce nella stringa “ID computer” il nome del dominio. Si apre una nuova schermata in cui bisogna registrare il nome autorizzato all’interno della stringa “nome Computer”; all’interno della sezione “Membro” si spunta la casella con la voce “controllo dominio” e si inserisce il nominativo. Al termine della registrazione dei dati richiesti, si preme sull’icona “Ok” per confermare l’operazione. è necessario riavviare il computer per attivare le impostazioni, per cui si preme sul tasto “Start” e si riavvia il computer.

Al termine della procedura di riavvio, il sistema è configurato e pronto per accedere a tutti i servizi del server e della rete in dominio comune, come intranet per condividere file con gli altri computer collegati, accedere a una stampante di rete, la connessione internet. La procedura di aggiunta di un client alla rete viene notevolmente semplificata se tra gli utenti/client vi è un utente generico: usufruendo delle credenziali di questo ci si potrà collegare al dominio di rete senza fornire le credenziali di accesso come indicato nel paragrafo precedente.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Antivirus per Smart TV: è davvero necessario proteggere una televisione?

antivirus per smart tv

Oggigiorno il web e internet in generale, sono raggiungibili da vari dispositivi, tra i quali ci sono anche le Smart TV, le quali, oltre a consentire la classica visualizzazione della tv nazionale ci permettono di navigare su internet e di installare applicazioni da uno store interno. 

Videocitofono wifi e video campanello: guida alla scelta

 Videocitofono wifi

Il videocitofono è un valido strumento, utile e comodo per vedere chi ha suonato alla nostra casa e non avere brutte sorprese dietro la porta; chi vive in una casa indipendente ne può trarre tutti i vantaggi, mentre chi vive in un contesto condominiale può montare il videocitofono nel caso in cui è stato unanimemente deliberato in un’assemblea condominiale. Tuttavia nulla vieta di montare anche in un contesto condominale – previa autorizzazione - un videocitofono wifi che occupa poco spazio ed è esteticamente discreto. Oltre al videocitofono wifi esistono anche i campanelli wi-fi, ma vediamo in cosa consistono, come funzionano e come sceglierli. 

Schede video per il 4k: ecco la nostra guida alla scelta

Prima di poter parlare delle schede video per il 4k migliori presenti in commercio occorre avere ben chiaro cosa sia una scheda video e come questa possa migliorare le vostre esperienze di gioco in una semplice mossa.

Vodafone Unlimited Casa: le offerte del gestore per la casa

vodafone unlimited casa

Vodafone è tra i principali operatori telefonici in Italia e le sue offerte non sono limitate ai servizi in mobilità, ma anche alle linee domestiche per cui l’azienda ha messo a punto soluzioni interessanti comprendenti la connessione, il traffico voce e la messaggistica. La soluzione completa per la casa si chiama Vodafone Unlimited Casa e continuando a leggere l’articolo scoprirete tariffe, copertura e convenienza dell’offerta.

Migliori e-commerce italiani: ITQF pubblica i vincitori e le classifiche

Migliori e-commerce italiani

Quando si fanno acquisti online, prima ancora di pensare al risparmio e a spendere il meno possibile, bisogna valutare la sicurezza e l'affidabilità del sito da cui si compra. Il web permette di fare ottimi affari, ma i siti non sono tutti uguali e le esperienze di acquisto possono essere molto diverse.

Virgilio Mail: Ecco come risolvere eventuali problemi senza intoppi

Immagine usata nell'articolo Come risolvere i problemi di accesso a Virgilio mail

Virgilio Mail è il servizio di posta elettronica gestita dal gruppo ItaliaOnline (a cui appartiene anche Pagine Bianche) e di proprietà dell’imprenditore egiziano Naguib Sawiris. Nonostante i servizi di posta elettronica siano oggi sempre molto efficienti, non sono esclusi problemi di connessione di accesso al login. Qualora vi imbatteste in problemi inerenti al Virgilio mail login, leggendo questa guida dovreste essere in grado di risolverli da soli. Esaminiamo i principali problemi di accesso all’account Virgilio.

I più condivisi

Dizionario Latino online, uno strumento davvero utile

dizionario-latino-online.png/

Può capitare qualche volta di dover tradurre una porzione di versione di Latino oppure una semplice frase, ma non avere la preparazione scolastica di base adeguata oppure il tempo necessario per fare tutto questo. In tal caso, ancora una volta, internet e la sua tecnologia possono dare un aiuto importante, grazie all’uso di un dizionario di Latino online. Infatti, come vedremo, di questo genere di vocabolari ne esistono di varie tipologie e la maggior parte di semplicissimo utilizzo.

Convertitore mp3 online, ecco di cosa si tratta

convertitore-mp3-online.png/

Alcune persone amano sentire della musica in alcuni momenti della giornata, soprattutto quando ci si trova sui mezzi pubblici o ci si rilassa durante una passeggiata, attraverso vari dispositivi elettronici. E per potervi inserire dei brani musicali, magari scaricati dal web, si necessita di un convertitore mp3 online, che consenta di convertirli appunto in una modalità facilmente leggibile da qualsiasi sistema elettronico e così poterli ascoltare ovunque ci si trovi e quando si desidera.

Speed Test ADSL Alice: ecco come fare

Se ci sono problemi tecnici sulla linea ADSL Telecom (Tim) o si desidera sottoscrivere un piano ADSL Alice ma non si è sicuri che la propria zona di residenza sia coperta dal servizio, è possibile effettuare un test di misurazione della velocità di rete, ovvero uno speed test ADSL Alice. Il test si può fare in completa autonomia e tramite alcuni diversi strumenti anche online senza la necessità di scaricare alcun software specifico o installare programmi aggiuntivi. Prima di avviare la misurazione occorre accertarsi che sul PC non siano in funzione software, cosiddetti P2P, ovvero gli uTorrent oppure eMule, che tendono a rallentare molto l’esperienza di navigazione, così come è bene assicurarsi che non vi siano altri dispositivi collegati che stiano in fase di download o upload perché questo potrebbe ovviamente falsificare i risultati.

Speed test ADSL Telecom: misura la velocità della tua connessione

Capita a volte che per cause diverse si possano verificare dei rallentamenti nella connessione di rete. Vi sono degli strumenti digitali e online che permettono di misurare lo stato e la velocità di connessione. In particolar modo se possiedi una connessione ADSL o fibra di (ex)-Telecom – oggi TIM - si può effettuare uno speed test dell’ADSL Telecom. I misuratori di velocità online sono facili da utilizzare e in pochi secondi e gratuitamente forniscono un dato certo e affidabile sulla velocità di connessione in download e upload che si tratti della linea domestica o dell’ufficio. Capire la performance della propria rete di navigazione internet può semplicemente servire per soddisfare una curiosità oppure essere un valido strumento per valutare l’opportunità di cambiare gestore di rete o internet provider.