Oggi vi illustriamo nel dettaglio come creare un dominio di rete. Vi spiegheremo come fare e quali strumenti usare. La rete Internet è come l'oceano: enorme e priva di direzioni preferenziali. Chiunque abbia un'attività, venda un prodotto o un servizio, o, semplicemente, voglia mettersi in evidenza e farsi conoscere dal mondo intero, ha necessità di occupare un piccolo angolo nel mare di Internet. 

Ecco che cos'è 

Ogni posizione del web è caratterizzata da coordinate che la identificano in modo univoco; per semplicità, essa viene detta dominio e identificata da un nome che ne rappresenta l'indirizzo e che deve essere digitato per raggiungerla. 

Per creare un proprio dominio, la prima cosa da fare è assicurarsi di scegliere un nome che sia ancora disponibile, che sia facilmente memorizzabile, che illustri con chiarezza il contenuto del sito, che sia personalizzato e che sia unico. Per essere certi di effettuare una scelta efficace dal punto di vista del marketing ci si può rivolgere a società che si occupano di gestione dei domini, offrendo estensioni particolari - da .org a .computer o, ancora, .sport o .com - a seconda delle esigenze, come Shopify Dominio online.

La scelta del nome del dominio deve essere fatta soprattutto nell'ottica dei motori di ricerca. Quando viene effettuata una ricerca, infatti, i vari motori di ricerca si rifanno a tutta una serie di classificazione dei nomi dei domini, dando la priorità a quelli ben indicizzati. Sembra che un motore di ricerca come Google, nel 2020, utilizzi centinaia di parametri per l'indicizzazione, a partire da quelli strettamente tecnici, come la valutazione dei tempi medi di risposta, fino a quelli relativi al contenuto, come il peso delle immagini e il loro tempo di download.

Suggerimenti per la scelta più efficiente

Immagine d'esempio per l'articolo Il dominio nella Rete: come creare il proprio progetto

La prima importante valutazione è la scelta del dominio di primo livello (TLD, top-level domain). Il TLD è la sigla che segue il punto, cioè la cosiddetta estensione. Ad esempio, per un dominio la cui azione si svolgerà soprattutto a livello nazionale si potrà scegliere il TLD .it, mentre .com sarà la scelta più avveduta per un'attività che si svolge principalmente a livello internazionale. 

La seconda decisione riguarda il nome completo del dominio. Qui è necessario fare riferimento agli algoritmi usati dai motori di ricerca come Google per eseguire le scelte ed effettuare il posizionamento nell'elenco delle risposte. Se negli anni passati, fino al 2012, Google privilegiava i domini che contenevano le keywords, cioè le parole chiave digitate dagli utenti, adesso, nel 2020, tende a privilegiare i domini brandable, cioè quelli che contengono il nome dell'azienda. La scelta migliore resta quella di mixare le keywords con l'indicazione del marchio aziendale. Quindi, ad esempio, per un sito web che si occupa di vendita di computer, al posto di computer.com, è più efficace utilizzare Rossicomputer.com, così da incrementare la personalizzazione.

Il nome del dominio deve essere facilmente memorizzabile e facilmente digitabile. Non sono consigliabili i nomi troppo complessi o che richiedono troppi virtuosismi sulla tastiera: Internet è anche sinonimo di rapidità. Una ricerca troppo lunga e complessa tende a indirizzare verso altri risultati e altri domini.

Come mettere una rete a dominio

Con l’espressione “mettere una rete a dominio” si intende collegare un insieme di computer dotati degli stessi parametri di sicurezza e di accesso su un database comune. I computer all’interno di una rete di dominio possono appartenere a diverse LAN purché abbiano in comune i seguenti elementi, come:

  • Un nome univoco;
  • Un amministratore di sistema;
  • Uno o più server;
  • Credenziali di accesso comuni;
  • Limitazioni di accesso in base alle impostazioni del PC.

Un dominio di rete può includere anche centinaia di apparecchi collegati, si tratta di configurazioni impostate per le reti aziendali dove si richiede il controllo degli accessi e le limitazioni di attività per alcuni determinati utenti connessi. Per creare un dominio di rete occorre un sistema operativo (per esempio Windows), un server su cui è installato il sistema e su cui si attiveranno tutte le policy di sicurezza e le autorizzazioni richieste. L’utente della rete in dominio comune non deve fare altro che collegare e inserire il proprio PC alla rete impostata tramite una procedura semplice. L’elaboratore dell’utente deve, ovviamente, essere stato autorizzato dal server, avere le credenziali di accesso e un sistema operativo abilitato o compatibile: l’utente che aggiunge il proprio device in rete deve quindi conoscere il nome di dominio, i dati e la password.

Come aggiungere un dispositivo alla rete

Premesso che il server sia stato ben configurato, il client (utente) per aggiungersi al dominio di rete deve premere con il tasto destro del mouse sull’icona che permette di accedere alle Risorse del computer e di seguito entrare nelle “proprietà”. Nella finestra che si apre delle “proprietà” si seleziona dal menù il nome del computer e si inserisce nella stringa “ID computer” il nome del dominio. Si apre una nuova schermata in cui bisogna registrare il nome autorizzato all’interno della stringa “nome Computer”; all’interno della sezione “Membro” si spunta la casella con la voce “controllo dominio” e si inserisce il nominativo. Al termine della registrazione dei dati richiesti, si preme sull’icona “Ok” per confermare l’operazione. è necessario riavviare il computer per attivare le impostazioni, per cui si preme sul tasto “Start” e si riavvia il computer.

Al termine della procedura di riavvio, il sistema è configurato e pronto per accedere a tutti i servizi del server e della rete in dominio comune, come intranet per condividere file con gli altri computer collegati, accedere a una stampante di rete, la connessione internet. La procedura di aggiunta di un client alla rete viene notevolmente semplificata se tra gli utenti/client vi è un utente generico: usufruendo delle credenziali di questo ci si potrà collegare al dominio di rete senza fornire le credenziali di accesso come indicato nel paragrafo precedente.

Potrebbe interessarti

Copertura Linkem: come verificarla?

Spesso, fra le offerte Internet senza il telefono fisso si possono trovare alcune alternative molto interessanti a prezzi accessibili. A esempio il WiMax di Linkem è un’opzione che può risultare molto valida.

Leggi tutto...

Come configurare la Vodafone Station Revolution: ecco quali sono gli step

Se avete appena sottoscritto un’offerta Vodafone per l’ADSL di casa dovrete configurare, sicuramente, un nuovo modem. Per effettuare questa procedura è necessario impostare, tramite il pannello di controllo, determinati parametri propri della compagnia telefonica.

Leggi tutto...

Configurazione di un modem Tiscali

Se avete sottoscritto un contatto con il provider Tiscali dovrete sicuramente configurare il vostro nuovo modem per riuscire a navigare con la connessione di rete internet. Solitamente i dispositivi che vengono forniti alla sottoscrizione del contratto sono già pre-configurati per non creare problemi già dal primo utilizzo e avviarli in modo semplice e veloce appena vengono collegati.

Leggi tutto...

Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Immagine usata nell'articolo Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Se avete sottoscritto da poco tempo un abbonamento alla rete Fastweb sicuramente vi troverete davanti alla necessità di dover configurare il modem fornito da loro, per avviare la navigazione online.

Leggi tutto...

Come configurare un modem Infostrada

Se avete deciso di sottoscrivere un abbonamento con Infostrada per la navigazione in Internet dovrete configurare il vostro nuovo modem. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Promozioni Windtre per adsl: scopriamole

Il gruppo di telefonia Windtre è sorto da poco dalla fusione di due noti brand del settore nel nostro Paese, cioè Wind e H3G (anche noto semplicemente come “Tre Italia”), ed ha portato alla creazione di un’azienda che rappresenta quasi il 30% del mercato italiano della telefonia mobile ed il quarto di quella fissa. Questo gruppo riprende l’ottima qualità ed i buoni servizi offerti dalle due società precedenti e che ne avevano fatto dei punti di riferimento nel settore della telefonia, sia fissa che mobile.

Leggi tutto...

Offerte Tiscali per internet a casa: ecco le novità

Le offerte Tiscali Adsl e fibra sono destinate a quei soggetti che necessitano per questioni di lavoro o di svago di poter navigare sulla rete in modo veloce ed usufruire di servizi efficienti. Andiamo quindi a vedere quali sono al momento le migliori offerte disponibili della compagnia telefonica sarda per quanto concerne internet.

Leggi tutto...

Nuove offerte Vodafone: ecco le proposte per Fibra e Adsl

In questi anni, nonostante siano state diverse le società di telefonia che si sono affacciate nel settore con molteplici offerte anche riguardanti internet, la britannica Vodafone è rimasta sempre una delle principali per qualità del servizio e alta velocità di connessione. Per questo motivo, nel corso del tempo è stata scelta da milioni di italiani per i propri servizi di telefonia, sia fissa che mobile, e non solo.

Leggi tutto...