Tutti noi a casa abbiamo un modem mediante il quale riusciamo ad accedere ad internet e rimanere in costante contatto con il mondo. Che sia infatti per semplice girovagare sul web, che sia per guardare un film o per mandare una mail l’avere a disposizione un’efficiente connessione internet sta alla base di qualsiasi nucleo familiare. 

È oggettivamente strano e atipico da pensare ma se dovessimo stilare una lista delle cose che all’interno della nostra abitazione non possono mancare ai primissimi posti metteremo sicuramente internet e i vantaggi che esso offre. 

Ovviamente però la qualità della nostra connessione internet deve necessariamente di alta qualità. Di offerte, che sia sul web, in tv o sui giornali ce ne sono centinaia: i prezzi ormai sono stracciati e sono lontanissimi i tempi nei quasi si parlava delle classiche connessioni a 56k. Ormai la velocità di connessione è elevatissima (la fibra la fa da padrone) ma spesso e malvolentieri la connessione stessa risulta essere inferiore alle aspettative: può sembrare disturbata o quant’altro ma di fatto la velocità non rispecchia le aspettative. Cosa potere fare dunque per ottimizzare tali prestazioni? Cambiare router? Modificare parametri? Connettere solo pochi apparecchi per volta? 

Tutte soluzioni potenzialmente valide ma prima di prendere decisioni drastiche un consiglio che vogliamo darvi è quello di collegare il vostro modem a cascata. Cosa significa? 

La connessione a cascata 

Per ottimizzare la vostra connessione, dunque, suggeriamo la connessione a cascata del modem. Nello specifico significa collegare il modem che vi è stato dato in dotazione dalla società con la quale avete stipulato il contratto con un altro router nel tentativo di filtrare e rendere molto più forte il segnale stesso. Nel dettaglio ecco le operazioni da dover eseguire per poter effettuare una connessione standard a cascata dei due modem: 

  • Connettere alla presa di connettere il modem dato in dotazione e stabilizzare la connessione con internet con l’inserimento del cavo telefonico; 
  • Attendere la stabilizzazione della connessione internet e attaccare alla presa di corrente il modem-router da noi scelto; 
  • Acceso il secondo router collegare lo stesso mediante cavo ethernet; 
  • Non inserire alcun cavo telefonico all’interno del secondo router in quanto prende il segnale dal primo; 
  • Collegare il router al pc. 

Connessione LAN-LAN e connessione LAN-WAN 

Per collegare i router a cascata esistono due metodologie: la prima è quella del metodo LAN-LAN mentre la seconda è quella del metodo LAN-WAN. Nel primo caso viene creata una rete che di fatto diviene un’estensione di quella che viene generalmente gestita dal primo router. È sicuramente la configurazione più semplice e utilizza lo stesso segmento IP della rete locale. 
Il secondo metodo, quello LAN-WAN invece, prevede che il vecchio modem abbia un solo client connesso, ovvero il router nuovo ed è la configurazione scelta da chi possiede un modem oggettivamente datato. In questo caso i segmenti IP ovviamente saranno differenti. 

Andiamo a vedere nello specifico come procedere con la configurazione dei due tracciati: 

METODO LAN-LAN: prima azione da compiere è la disconnessione di tutti i dispositivi connessi al modem vecchio e riavviare lo stesso. A questo punto dal browser bisogna accedere all’indirizzo del router e modificare l’indirizzo IP modificando il quarto byte.  
Adesso è necessario accertarsi che sia il gateway che il DNS abbiano il medesimo indirizzo IP, ovvero quello del modem del nostro operatore telefonico disabilitando sul nuovo router NAT, DHCP e Firewall.

METODO LAN-WAN: i primi passi nell’installazione dei router secondo questo metodo, almeno inizialmente, sono identici a quelli precedenti. La prima differenza però risiede nella modifica del terzo byte del nostro indirizzo IP e non nel quarto. Qui i DHCP, Firewall e NAT vanno lasciati assolutamente attivi mentre la Subnet Mask deve essere impostata su 255.255.255.0. A questo punto il nostro vecchio modem avrà solo un client connesso (il nuovo router) che a sua volta fungerà da punto di riferimento per tutti i dispositivi che andremo a connettere. Ogni tanto si potrebbe creare il problema delle aperture delle porte sul router ma basta accedere all’interno del router stesso e aprire le porte manualmente.

Classificazione delle reti e modello client server

Le reti che oggi ci permettono di comunicare, non sono omogenee tra loro, ma prendono delle caratteristiche al servizio del loro uso. Abbiamo visto che per collegare il router a cascata abbiamo bisogno o della metodologia LAN-WAN o di quella LAN-LAN, ma cos’è in realtà una rete di tipo LAN? LAN è un acronimo che sta per Local Area Network e costituisce una rete piccola, spesso di tipo aziendale e destinata a collegare al massimo alcune postazioni, che sono distribuite su un territorio comprendente più abitazioni. Nella maggior parte del casi, una rete di questo genere permette la comunicazione tra computer in differenti uffici locali, consentendo la condivisione di software e periferiche hardware (come la stampante).

Quello che però rende veramente formidabile una rete LAN, è la sua facilità costruttiva e il basso tenore di errore che si può ottenere nell’ambito della trasmissione emessa. Le reti LAN però non servono tutti gli usi, ecco perché per zone più estese sono state progettate la rete MAN (Metropolitan Area Network) e la rete WAN (Wide Area Network): la prima è un’estensione della rete locale in ambito urbano e viene realizzata nelle città cablate con dorsali in fibre ottiche. Il mezzo di trasmissione è estremamente importante e, proprio la fibra, ha una performance strabiliante rispetto al cavo coassiale o al doppino telefonico. Le prestazioni di una rete WAN sono conseguentemente veloci e arrivano fino alla trasmissione di 140 Mbps.

La seconda invece è una rete che si può sfruttare in vaste aree geografiche se non nell’intero pianeta, ed è considerata quasi una rete internazionale che consente di legare infrastrutture già esistenti nell’ambito delle telecomunicazioni e, nello specifico, nella gestione dell’operatore telefonico nazionale. Se oggi le prestazione della trasmissione dei dati risulta carente, abbiamo subito un forte smarrimento dovuto all’impossibilità di comunicare con il resto del mondo. Ecco perché nello scenario contemporaneo è un bene capire come le reti si intrecciano tra loro e quali possono essere i problemi alla base di un malfunzionamento della rete. Una delle topologia che sta alla base di molti reti, è quella client-server, continuamente presente nelle nostre attività telematiche. La topologia client-server ha un funzionamento molto semplice: l’utente, attraverso un client, ovvero un dispositivo, invia una richiesta al server di appartenenza, che si occupa di elaborare la richiesta e rispedirla al client. La funzionalità di questa topologia è dovuta al fatto che il server è totalmente indipendente dai client, quindi se c’è uno specifico guasto in uno dei client collegati alla rete, questo non sarà di disturbo per i dati del server. Questa topologia è sfruttata da molte reti ed è quella più efficace nell’ambito della comunicazione.

Potrebbe interessarti

Copertura Linkem: come verificarla?

Spesso, fra le offerte Internet senza il telefono fisso si possono trovare alcune alternative molto interessanti a prezzi accessibili. A esempio il WiMax di Linkem è un’opzione che può risultare molto valida.

Leggi tutto...

Come configurare la Vodafone Station Revolution: ecco quali sono gli step

Se avete appena sottoscritto un’offerta Vodafone per l’ADSL di casa dovrete configurare, sicuramente, un nuovo modem. Per effettuare questa procedura è necessario impostare, tramite il pannello di controllo, determinati parametri propri della compagnia telefonica.

Leggi tutto...

Configurazione di un modem Tiscali

Se avete sottoscritto un contatto con il provider Tiscali dovrete sicuramente configurare il vostro nuovo modem per riuscire a navigare con la connessione di rete internet. Solitamente i dispositivi che vengono forniti alla sottoscrizione del contratto sono già pre-configurati per non creare problemi già dal primo utilizzo e avviarli in modo semplice e veloce appena vengono collegati.

Leggi tutto...

Configurazione del modem Fastweb: ecco come fare

Se avete sottoscritto da poco tempo un abbonamento alla rete Fastweb sicuramente vi troverete davanti alla necessità di dover configurare il modem fornito da loro, per avviare la navigazione online.

Leggi tutto...

Come configurare un modem Infostrada

Se avete deciso di sottoscrivere un abbonamento con Infostrada per la navigazione in Internet dovrete configurare il vostro nuovo modem. Anche se la procedura sembra complicata in realtà, seguendo con attenzioni alcuni passi, sarà davvero facile.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cambiare password wi-fi: ecco come fare

computer 767781 1280

La protezione delle connessioni wi-fi è garantita dall’accesso tramite password del proprio router. Le password sono solitamente fornite di default insieme al router, per questo è importante cambiare la password del wi-fi per evitare spiacevoli intrusioni, sostituendola con una personale e sufficientemente complessa da non poter essere decriptata facilmente.

Leggi tutto...

Negozi Tim a Roma: ecco come trovarli agevolmente

timvision homepage cinema nuovo decoder

Tim è il marchio del gruppo Telecom Italia per l’erogazione di servizi e prodotti per la telefonia fissa e mobile. Tim è il gestore più attivo in Italia con un’ampia programmazione tariffaria per le imprese e gli utenti privati e con servizi di utenza industriale e domestica. La rete di negozi Tim in tutta Italia è capillare; nelle metropoli, la concentrazione è più alta, non è dunque sorprendente immaginare che i negozi Tim a Roma sono più di cento e diffusamente distribuiti sul territorio metropolitano e in provincia.

Leggi tutto...

Tim Impresa Semplice diventa Tim Business: tutto quello che devi sapere

tim fibra ottica

Aziende, imprese e uffici per svolgere al meglio le attività lavorative hanno bisogno di servizi telefonici, internet ADSL e piani tariffari adeguati. Telecom – da diversi anni – ha sviluppato per le aziende e i professionisti una piattaforma online che si chiama Tim Impresa Semplice, ora diventata più comunemente nota come Tim Business

Leggi tutto...