Tutti i computer, col passare del tempo, subiscono un graduale peggioramento delle prestazioni e anche i Mac possono manifestare un calo delle performance. Il rallentamento può essere causato da diversi fattori, ma con un rapido intervento si possono ripristinare tutte le funzionalità iniziali. Possono sorgere, ad esempio, alcune difficoltà come i messaggi d’errore o l’interruzione improvvisa dei programmi in esecuzione.

Questi inconvenienti influenzano il sistema operativo e per riportare il pc al suo livello iniziale si possono adottare diverse soluzioni. Gli utenti possono utilizzare, infatti, alcuni metodi e in questo articolo scopriremo come velocizzare un Mac.

5 metodi per ripristinare la velocità di un Mac

Questi pc garantiscono prestazioni superiori e per questo vengono utilizzati in tutto il mondo. Offrono performance al di sopra della media, ma col tempo anche loro possono subire i primi effetti dell’usura. Uno dei problemi più comuni è il rallentamento del sistema operativo che influenza la velocità di esecuzione dei programmi. Quando si manifesta questo inconveniente molti utenti cercano una soluzione per ripristinare le funzionalità originali. Si possono sfruttare, infatti, alcuni procedimenti per comprendere come velocizzare il Mac. La stessa Apple fornisce ai propri utenti le risorse necessarie per risolvere ogni intoppo. Vediamo, dunque, quali sono i 5 metodi migliori per riportare il computer al suo livello iniziale:

  1. Disattivare le applicazioni coinvolte nel processo di avvio: quando il pc manifesta un problema durante l’accensione si devono arrestare i software che si aprono automaticamente.
  2. Verificare e riparare lo stato del disco: il rallentamento del Mac spesso è causato da errori che colpiscono il sistema operativo. L’applicazione Utility Disco individua e cancella ogni inconveniente.
  3. Chiudere o eliminare ogni icona inutilizzata: il desktop non deve essere utilizzato come una pattumiera. I file devono essere organizzati o eliminati perché occupano spazio e possono provocare la diminuzione di velocità.
  4. Ripulire l’hard disk: l’eliminazione delle icone inutilizzate e dei programmi obsoleti migliora le prestazioni del Mac. Anche la cronologia, i cache e i cookie possono essere rimossi per ottimizzare il browser.
  5. Installare gli ultimi aggiornamenti disponibili: Apple fornisce continuamente una vasta gamma di nuove versioni per potenziare macOS. Gli aggiornamenti rendono il computer più stabile e risolvono alcuni problemi come i bug del sistema operativo.

Perchè conviene ripristinare la velocità iniziale di un Mac?

Il computer accumula numerosi file che intasano il sistema e causano il rallentamento del disco. Questi elementi spesso sono del tutto inutili e non servono assolutamente a nulla. Pertanto possono essere eliminati per riportare il Mac al suo potenziale originale. Gli utenti pretendono molto da questi pc, ma tralasciano alcune attività essenziali per preservarli. Come abbiamo visto nel paragrafo precedente bastano poche operazioni per velocizzare un Mac e ristabilire il corretto funzionamento del sistema operativo. In questo modo si prolunga il ciclo di vita del dispositivo e si massimizza l’investimento economico profuso per il suo acquisto.

Conclusione

Un Mac lento causa inevitabilmente qualche problema. L’esecuzione dei programmi subisce un vistoso rallentamento e l’accensione non procede più spedita come un tempo. Questi inconvenienti, però, non devono allarmare nessuno perché con pochi passaggi si possono ripristinare tutte le caratteristiche iniziali del pc.

Ripulire il Mac: ecco alcuni modi

Per poter velocizzare il Mac a volte risulta indispensabile ripulirlo. In alcuni casi la spazzatura è invisibile ma può occupare diverso spazio, rendendo la pulizia dello stesso qualcosa di laborioso e noioso. Sebbene i Mac non richiedano particolare manutenzione, a volte risulta necessario velocizzare il Mac per farlo tornare alle caratteristiche di un tempo e continuare ad utilizzarlo comodamente. 

A rallentare il Mac sono spesso file temporanei, residui delleapp e cache di sistema che continuano ad accumularsi, rallentando il computer e rendendo necessario velocizzarlo. Pulire manualmente il proprio Mac può richiedere diverso tempo, motivo per cui è possibile optare per CleanMyMac X, uno strumento di pulizia in grado di trovare e rimuovere tutti quei dati che risultano inutili.

Una volta scaricato vi basterà scaricare l’app, avviarla, avviare la scansione e premere su “pulisci” per sbarazzarti di tutti i file spazzatura che rallentano il tuoMac. Chi volesse procedere manualmente, invece, per velocizzare il Mac deve eseguire diversi passaggi che, pur essendo semplici, richiedono più tempo.

La prima cosa da fare è sicuramente quella di svuotare la cache, ovvero tutte quelle informazioni che il Mac archivia per un accesso più rapido, vantaggio che però si ripercuote in molto spazio occupato sul Mac.
Procedete poi con la rimozione delle app che non utilizzi o che non ti servono, ricordando che non basta spostarle sul pc per farlo ma che occorre eseguire una procedura che sicuramente conosci se sei in possesso di un Mac. Un altro modo per velocizzare il Mac è quello di ridurre gli elementi di login, ovvero quelle applicazioni che si caricano in automatico all’avvio del Mac, andando a consumarne la memoria.

Andate quindi ad eliminare gli elementi di login di troppo che non vi servono: aprite preferenze di sistema, andate su Utenti e Gruppi, selezionate il nome utente sulla sinistra quindi la scheda “elementi login” e selezionate tutte le applicazioni che volete rimuove, premendo il pulsante “-“ presente in basso.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Tooway: tutte le offerte per la connessione satellitare

tooway

Purtroppo, in Italia, esistono ancora moltissimi luoghi ed aree dove la linea ADSL, o peggio ancora la fibra, non arriva o non funziona bene come dovrebbe. Questo è un grande problema che pone numerose difficoltà e limitazioni alla vita e alla professione dei cittadini che si trovano nelle condizioni di essere “digital divisi” e sono costretti a rimediare rivolgendosi ad aziende che propongono si connessioni ADSL vantaggiose ma anche estremamente costose rispetto a quelle tradizionali.

WOW-FI di FASTWEB: cos'è? Perché sceglierlo? Scoprilo

fastweb fibra ottica

Ormai sia da casa che dall’ufficio c’è la tendenza a connettersi con tecnologie wireless (senza fili). Il Wi-Fi, fa parte di queste tecnologie, e permette di connettere a internet, senza l’ausilio di fili, uno o più dispositivi che sia uno smartphone, un PC o un tablet. Anche se la connessione ethernet ha meno interferenze, risulta più scomoda perché molto più ingombrante, in quanto in una rete cablata ad ogni cavo corrisponde un dispositivo. Inoltre, in ethernet sarebbe particolarmente scomodo connettere gli smartphone.

I più condivisi

La storia della connessione internet a casa: dal modem 56K all’ADSL

scrivania.jpeg

Le case degli italiani sono connesse grazie all’utilizzo dell’ADSL. Nonostante si siano fatte largo la fibra misto rame e la fibra ottica, tra le tecnologie più usate resta l’ADSL, motivo per cui quasi tutti i principali provider di servizi dedicati all’Internet riservano sempre delle offerte speciali. Ecco perché è bene consultare offerte internet casa sul sito adsl-it.