Google Home è uno smart speaker, vale a dire un dispositivo intelligente che permette di ascoltare musica, ma soprattutto controllare gli altri dispositivi domotici della casa attraverso i comandi vocali; si può definire un maggiordomo elettronico o un’assistente molto efficace grazie a numerose funzionalità. In Italia, vi sono in commercio due tipologie di smart speaker: Home e Home Mini, le cui differenze sono nelle dimensioni, nel prezzo, mentre le funzionalità restano sostanzialmente invariate tra i due, ecco dunque come funziona Google Home mini, il gemello compatto di Home.

Quali sono le differenze tra Home e Home Mini

La serie degli smart Speaker di comprende due tipologie: Home e Home Mini che si differenziano nel modo seguente:

  • Google Home costa intorno a 150 € è le sue dimensioni sono 96,4 mm di diametro per 142,8 mm di altezza. È dotato di 4 speaker nella parte inferiore che lo rende efficiente nella riproduzione di audio musicale. È in grado di percepire la voce umana in modo molto accurato perché dotato di un connettore di proprietà Google. La superficie superiore è touch e consente di alzare e ridurre il volume con un semplice tocco, ma si può anche impostare il timer e interromperlo, impostare le sveglie, mettere in pausa la musica con un dito o con la voce. L’aspetto è quello di una piccola cassa stereo dal design rotondeggiante.
  • Google Home mini costa circa 59 € e le sue dimensioni sono ridotte rispetto al gemello maggiore (98 mm di diametro per 42 mm di altezza), dal punto di vista del design è più gradevole ed è disponibile in varie colorazioni, ma a differenza della versione più grande la qualità audio lascia un po’ a desiderare così come la percezione della voce. Il suono in emissione è invece, molto buono. La logica delle funzioni “touch” vale anche per la versione Mini rendendolo pratico e facile da usare. Inoltre, è dotato di un connettore micro-USB.

In comune, i due dispositivi hanno il tasto esterno per disattivare/attivare il microfono , riproducono la musica, rispondono alle domande, effettuano calcoli, annotano promemoria, impostano sveglie e timer, leggono le notizie, avviano televisori dotati i Chromecast, avviano Netflix con il comando vocale ed entrambi si possono associare a numerosi altri dispositivi compatibili come gli speaker bluetooth e altri dispositivi smart.

Come si configura Home Mini

Home mini necessita di essere configurato per poter funzionare correttamente come assistente vocale e non solo, ma la procedura è semplice e intuitiva. Innanzitutto occorre collegare l’alimentatore al dispositivo e scaricare l’apposita app seguendo le indicazioni mostrate sullo schermo del proprio smartphone o tablet. Il cavo di alimentazione fornito è dotato di due estremità: la presa per la corrente elettrica e quella da collegare al dispositivo nell’apposita porta. Quando si inserisce la presa elettrica, si accendono le luci di 4 led, prima di colore bianco e poi con i colori del logo di google. Appena avviato ascoltare attentamente il messaggio di benvenuto di Google Home Mini che indica anche come scaricare l’applicazione in base al sistema operativo (Android o iOS). 

Installazione per dispositivi Android

google-home-mini.jpg

Con smartphone o tablet alla mano, si avvia il Play Store dalla schermata della home e sulla barra di ricerca digitare “Google Home Mini”, premere sulla lente di ingrandimento e tra i risultati di ricerca individua l’app (solitamente è il primo risultato), premere sull’app per aprire la scheda informativa e premere su Installa e Accetto per avviare il download. L’installazione è completa.

Installazione Google Mini per dispositivi iOS

Per i possessori di iPhone e iPad che desiderano utilizzare Mini, bisogna aprire dallo smartphone l’App Store e nella barra di ricerca digitare Google Home Mini e premere invio. Tra i risultati di ricerca, individuate Home (la cui icona è una casa colorata su sfondo bianco), premere su “Ottieni” e confermare la scelta tramite le funzioni Face ID o touch ID o digitando la password del proprio account Apple. Attendere il download e l’avvio dell’installazione. Il dispositivo è pronto all’uso e per essere sincronizzato con lo smart speaker.

Ecco un accessorio che puoi acquistare su Amazon

supporto-google.png

Configurazione di Home Mini

Terminata l’installazione dell’app si procede con l’apertura dell’app di Home Mini e si preme il tasto “Inizia”> selezionare il proprio account Google con il quale di intende utilizzare l’assistente vocale (chi non possiede un account Google provvederà a crearlo)> Conferma Account > inserire i dati di accesso nei campi “indirizzo e-mail”, numero di telefono e password> Accedi.

Dopo aver effettuato l’accesso, premere sulla voce “Crea un’altra casa”> Avanti (per aggiungere alla lista le abitazioni e gli edifici in cui si utilizzerà Home Mini> attribuire un nome o nickname alla casa o edificio> premere Avanti.

Premendo il tasto “Aggiungi”, selezionare l’opzione “Configura dispositivo”> Configura Nuovi dispositivi. Scegliere l’edificio aggiunto nella procedura precedente e premere “Avanti”, attendere qualche istante fino a quando Home viene individuato, fino alla comparsa sullo schermo della scritta “Dispositivo Home Mini trovato”, premere su “Avanti” per avviare la configurazione seguendo le istruzioni mostrate a schermo dal proprio tablet o smartphone.

Quando il dispositivo chiederà di indicare se si è sentito il suono emesso da Google Home Mini, premere “Sì”, qualora non si avvertisse alcun suono, ripetere l’operazione selezionando la voce “riprova” fino a quando non si percepisce il suono. Successivamente, l’utente dovrà scegliere se e cosa condividere con Google (autorizzazioni) e infine indicare dove si trova il dispositivo Google Home scegliendo tra le opzioni disponibili (bagno, cucina, camera da letto …) oppure Aggiungere una Stanza personalizzata.

Quando si giunge alla schermata “Scegli rete wi-fi”, si seleziona la rete a cui collegare Home Mini e avanzare premendo su “Avanti”, inserire la password di accesso della rete e premere “Collega”, quando compare il messaggio “connesso”, significa che la connessione tra Google Mini e la rete wi-fi selezionata è attiva.

A questo punto si preme sul tasto “Avanti” e sul pulsante “Attiva” per attivare le opzioni “Informazioni del dispositivo” e infine “Attività vocale e audio”.

Ora è possibile insegnare all’assistente a riconoscere la propria voce attivando la funzione Voice Match premendo sul tasto Accetto oppure No, Grazie. La funzione Voice Match permette di associare al dispositivo una o più voci che possono accedere alle funzioni. Per configurare Voice Match occorre seguire le istruzioni che compaiono sullo schermo del proprio smartphone o tablet e pronunicare i comandi vocali visualizzati fino a completamento della configurazione. Infine, si preme “Accetto” per attivare l’app e utilizzare subito la propria voce per accedere al calendario, ai contatti, al promemoria e altre funzioni (se non si desidera attivare la funzione, premere su No, Grazie).

Per completare la configurazione si possono aggiungere i servizi multimediali sui quali attivare il comando vocale come per esempio i  servizi di audio streaming (come Spotify, Deezer, Youtube) o i video semplicemente premendo due volte sul tasto del servizio e su “Sì, collega account”. Infine si raccomanda di seguire sempre le istruzioni sullo schermo per iniziare a utilizzare i comandi vocali di Google. Al termine della configurazione del dispositivo si preme “Termina configurazione” e il gioco è fatto! D’ora in poi “Hey Google!” sarà la vostra parola d’ordine, anzi di … comando.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Offerte Eolo e Tim: le proposte per l’intrattenimento sicuro

offerte eolo

Smart working...ma non solo. Gli operatori si adeguano all’impennata di streaming e virtual reality. Nell’ultimo periodo, visto anche il boom del telelavoro e delle video-lezioni a distanza, numerose sono state le offerte Eolo e dei vari operatori di telecomunicazioni in termini di promozione e sicurezza degli utenti, sia per quanto riguarda le connessioni private che per quanto concerne gli accessi aziendali, tenendo anche conto dell’ampio utilizzo degli smartphone e dei dispositivi mobili in questo genere di attività.

ADSL di Telecom: scommettiamo che non conosci tutte le offerte?

Offerte ADSL Telecom

Telecom, oggi passata sotto il marchio TIM, è il gestore di telecomunicazioni più importante e diffuso sull’intero territorio nazionale. Oggi le proposte per ADSL e Fibra, anche in casa Telecom, non sono più così distanti a livello di convenienza e spesso assistiamo a offerte più convenienti per la Fibra piuttosto che per la vecchia ADSL.

Social Network in sicurezza: alcune dritte a cui non potrai rinunciare

come-utilizzare-social-network-sicurezza.jpg

Nell’era di internet, sapere come utilizzare i Social Network in sicurezza è fondamentale per evitare truffe o eventuali problemi minori. Dal momento in cui i nostri cellulari sono diventati irrinunciabili, siamo abituati a svolgere tante azioni, come cercare informazioni, fare shopping online. L’uso che ne facciamo, però, è talvolta errato: non dimenticare mai di proteggerti sul web.

Cos’è un router esattamente? Scoprilo con il nostro articolo

Immagine d'esempio utilizzata per l'articolo Cos’è un router esattamente? Scoprilo con il nostro articolo

Se state per attivare una nuova offerta per vostra la linea internet di casa oppure se state passando ad un altro operatore avrete sicuramente bisogno di informazioni sul modem ADSL o sul router. Anche se, ormai, in molti casi gli stessi operatori telefonici offrono già il modem router in comodato d’uso a volte può essere maggiormente conveniente acquistare indipendentemente questo dispositivo.

Ikoula: diamo uno sguardo all'offerta Managed Service di quest'operatore

ikoula.jpg

Il Managed Service Ikoula (MSP) – fornitore di servizi gestiti – nell’ambito informatico è un fornitore di soluzioni IT, nello specifico gestisce proattivamente software, siti, sicurezza, aggiornamenti, monitoraggio, hosting. Uno dei più noti MSP è Ikoula, specializzato nel web hosting, server dedicati e servizi cloud. Ikoula è un’azienda francese, fondata nel 1998, che ha filiali nei Paesi Bassi, Spagna e Italia. Le soluzioni di Ikoula hosting sono tra le più affidabili e ambite dai partner e aziende di settore e vi spieghiamo il perché.

Vodafone hotspot: guida completa all'utilizzo di questa funzione

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Vodafone hotspot: guida completa

Un hotspot è una funzione – nota anche con il nome di tethering – che permette di condividere con altri dispositivi una connessione a internet generata da una SIM inserita nello smartphone (o altro dispositivo mobile come tablet, notebook purché dotati di modulo “cellular” per inserire la sim card).

I più condivisi

Vocabolario di Latino online, uno strumento davvero utile

dizionario-latino-online.png

Può capitare qualche volta di dover tradurre una porzione di versione di Latino oppure una semplice frase, ma non avere la preparazione scolastica di base adeguata oppure il tempo necessario per fare tutto questo. In tal caso, ancora una volta, internet e la sua tecnologia possono dare un aiuto importante, grazie all’uso di un dizionario di Latino online. Infatti, come vedremo, di questo genere di vocabolari ne esistono di varie tipologie e la maggior parte di semplicissimo utilizzo.

Convertitore mp3 online, ecco di cosa si tratta

convertitore-mp3-online.png

Alcune persone amano sentire della musica in alcuni momenti della giornata, soprattutto quando ci si trova sui mezzi pubblici o ci si rilassa durante una passeggiata, attraverso vari dispositivi elettronici. E per potervi inserire dei brani musicali, magari scaricati dal web, si necessita di un convertitore mp3 online, che consenta di convertirli appunto in una modalità facilmente leggibile da qualsiasi sistema elettronico e così poterli ascoltare ovunque ci si trovi e quando si desidera.

Speed Test ADSL Alice: ecco come fare

Se ci sono problemi tecnici sulla linea ADSL Telecom (Tim) o si desidera sottoscrivere un piano ADSL Alice ma non si è sicuri che la propria zona di residenza sia coperta dal servizio, è possibile effettuare un test di misurazione della velocità di rete, ovvero uno speed test ADSL Alice. Il test si può fare in completa autonomia e tramite alcuni diversi strumenti anche online senza la necessità di scaricare alcun software specifico o installare programmi aggiuntivi. Prima di avviare la misurazione occorre accertarsi che sul PC non siano in funzione software, cosiddetti P2P, ovvero gli uTorrent oppure eMule, che tendono a rallentare molto l’esperienza di navigazione, così come è bene assicurarsi che non vi siano altri dispositivi collegati che stiano in fase di download o upload perché questo potrebbe ovviamente falsificare i risultati.

Speed test ADSL Telecom: misura la velocità della tua connessione

Capita a volte che per cause diverse si possano verificare dei rallentamenti nella connessione di rete. Vi sono degli strumenti digitali e online che permettono di misurare lo stato e la velocità di connessione. In particolar modo se possiedi una connessione ADSL o fibra di (ex)-Telecom – oggi TIM - si può effettuare uno speed test dell’ADSL Telecom. I misuratori di velocità online sono facili da utilizzare e in pochi secondi e gratuitamente forniscono un dato certo e affidabile sulla velocità di connessione in download e upload che si tratti della linea domestica o dell’ufficio. Capire la performance della propria rete di navigazione internet può semplicemente servire per soddisfare una curiosità oppure essere un valido strumento per valutare l’opportunità di cambiare gestore di rete o internet provider.