Google Home è uno smart speaker, vale a dire un dispositivo intelligente che permette di ascoltare musica, ma soprattutto controllare gli altri dispositivi domotici della casa attraverso i comandi vocali; si può definire un maggiordomo elettronico o un’assistente molto efficace grazie a numerose funzionalità. In Italia, vi sono in commercio due tipologie di smart speaker: Home e Home Mini, le cui differenze sono nelle dimensioni, nel prezzo, mentre le funzionalità restano sostanzialmente invariate tra i due, ecco dunque come funziona Google Home mini, il gemello compatto di Home.

Quali sono le differenze tra Home e Home Mini

La serie degli smart Speaker di comprende due tipologie: Home e Home Mini che si differenziano nel modo seguente:

  • Google Home costa intorno a 150 € è le sue dimensioni sono 96,4 mm di diametro per 142,8 mm di altezza. È dotato di 4 speaker nella parte inferiore che lo rende efficiente nella riproduzione di audio musicale. È in grado di percepire la voce umana in modo molto accurato perché dotato di un connettore di proprietà Google. La superficie superiore è touch e consente di alzare e ridurre il volume con un semplice tocco, ma si può anche impostare il timer e interromperlo, impostare le sveglie, mettere in pausa la musica con un dito o con la voce. L’aspetto è quello di una piccola cassa stereo dal design rotondeggiante.
  • Google Home mini costa circa 59 € e le sue dimensioni sono ridotte rispetto al gemello maggiore (98 mm di diametro per 42 mm di altezza), dal punto di vista del design è più gradevole ed è disponibile in varie colorazioni, ma a differenza della versione più grande la qualità audio lascia un po’ a desiderare così come la percezione della voce. Il suono in emissione è invece, molto buono. La logica delle funzioni “touch” vale anche per la versione Mini rendendolo pratico e facile da usare. Inoltre, è dotato di un connettore micro-USB.

In comune, i due dispositivi hanno il tasto esterno per disattivare/attivare il microfono , riproducono la musica, rispondono alle domande, effettuano calcoli, annotano promemoria, impostano sveglie e timer, leggono le notizie, avviano televisori dotati i Chromecast, avviano Netflix con il comando vocale ed entrambi si possono associare a numerosi altri dispositivi compatibili come gli speaker bluetooth e altri dispositivi smart.

Come si configura Home Mini

Home mini necessita di essere configurato per poter funzionare correttamente come assistente vocale e non solo, ma la procedura è semplice e intuitiva. Innanzitutto occorre collegare l’alimentatore al dispositivo e scaricare l’apposita app seguendo le indicazioni mostrate sullo schermo del proprio smartphone o tablet. Il cavo di alimentazione fornito è dotato di due estremità: la presa per la corrente elettrica e quella da collegare al dispositivo nell’apposita porta. Quando si inserisce la presa elettrica, si accendono le luci di 4 led, prima di colore bianco e poi con i colori del logo di google. Appena avviato ascoltare attentamente il messaggio di benvenuto di Google Home Mini che indica anche come scaricare l’applicazione in base al sistema operativo (Android o iOS). 

Installazione per dispositivi Android

google-home-mini.jpg

Con smartphone o tablet alla mano, si avvia il Play Store dalla schermata della home e sulla barra di ricerca digitare “Google Home Mini”, premere sulla lente di ingrandimento e tra i risultati di ricerca individua l’app (solitamente è il primo risultato), premere sull’app per aprire la scheda informativa e premere su Installa e Accetto per avviare il download. L’installazione è completa.

Installazione Google Mini per dispositivi iOS

Per i possessori di iPhone e iPad che desiderano utilizzare Mini, bisogna aprire dallo smartphone l’App Store e nella barra di ricerca digitare Google Home Mini e premere invio. Tra i risultati di ricerca, individuate Home (la cui icona è una casa colorata su sfondo bianco), premere su “Ottieni” e confermare la scelta tramite le funzioni Face ID o touch ID o digitando la password del proprio account Apple. Attendere il download e l’avvio dell’installazione. Il dispositivo è pronto all’uso e per essere sincronizzato con lo smart speaker.

Ecco un accessorio che puoi acquistare su Amazon

supporto-google.png

Configurazione di Home Mini

Terminata l’installazione dell’app si procede con l’apertura dell’app di Home Mini e si preme il tasto “Inizia”> selezionare il proprio account Google con il quale di intende utilizzare l’assistente vocale (chi non possiede un account Google provvederà a crearlo)> Conferma Account > inserire i dati di accesso nei campi “indirizzo e-mail”, numero di telefono e password> Accedi.

Dopo aver effettuato l’accesso, premere sulla voce “Crea un’altra casa”> Avanti (per aggiungere alla lista le abitazioni e gli edifici in cui si utilizzerà Home Mini> attribuire un nome o nickname alla casa o edificio> premere Avanti.

Premendo il tasto “Aggiungi”, selezionare l’opzione “Configura dispositivo”> Configura Nuovi dispositivi. Scegliere l’edificio aggiunto nella procedura precedente e premere “Avanti”, attendere qualche istante fino a quando Home viene individuato, fino alla comparsa sullo schermo della scritta “Dispositivo Home Mini trovato”, premere su “Avanti” per avviare la configurazione seguendo le istruzioni mostrate a schermo dal proprio tablet o smartphone.

Quando il dispositivo chiederà di indicare se si è sentito il suono emesso da Google Home Mini, premere “Sì”, qualora non si avvertisse alcun suono, ripetere l’operazione selezionando la voce “riprova” fino a quando non si percepisce il suono. Successivamente, l’utente dovrà scegliere se e cosa condividere con Google (autorizzazioni) e infine indicare dove si trova il dispositivo Google Home scegliendo tra le opzioni disponibili (bagno, cucina, camera da letto …) oppure Aggiungere una Stanza personalizzata.

Quando si giunge alla schermata “Scegli rete wi-fi”, si seleziona la rete a cui collegare Home Mini e avanzare premendo su “Avanti”, inserire la password di accesso della rete e premere “Collega”, quando compare il messaggio “connesso”, significa che la connessione tra Google Mini e la rete wi-fi selezionata è attiva.

A questo punto si preme sul tasto “Avanti” e sul pulsante “Attiva” per attivare le opzioni “Informazioni del dispositivo” e infine “Attività vocale e audio”.

Ora è possibile insegnare all’assistente a riconoscere la propria voce attivando la funzione Voice Match premendo sul tasto Accetto oppure No, Grazie. La funzione Voice Match permette di associare al dispositivo una o più voci che possono accedere alle funzioni. Per configurare Voice Match occorre seguire le istruzioni che compaiono sullo schermo del proprio smartphone o tablet e pronunicare i comandi vocali visualizzati fino a completamento della configurazione. Infine, si preme “Accetto” per attivare l’app e utilizzare subito la propria voce per accedere al calendario, ai contatti, al promemoria e altre funzioni (se non si desidera attivare la funzione, premere su No, Grazie).

Per completare la configurazione si possono aggiungere i servizi multimediali sui quali attivare il comando vocale come per esempio i  servizi di audio streaming (come Spotify, Deezer, Youtube) o i video semplicemente premendo due volte sul tasto del servizio e su “Sì, collega account”. Infine si raccomanda di seguire sempre le istruzioni sullo schermo per iniziare a utilizzare i comandi vocali di Google. Al termine della configurazione del dispositivo si preme “Termina configurazione” e il gioco è fatto! D’ora in poi “Hey Google!” sarà la vostra parola d’ordine, anzi di … comando.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Potrebbe interessarti

FaceTime per Windows: scopri se esiste veramente

facetime per windows

La tecnologia messa a punto da Apple per le videochiamate è una delle funzionalità più interessanti degli IPhone che ha causato ampio interesse da parte di molti utenti privi di IPhone e Mac, determinando ampie richieste, nei vari forum, relative ad un potenziale FaceTime per Windows.

Smart working: tutto quello che c'è da sapere per organizzarsi

smart working

Negli ultimi mesi è stato necessario adattarsi al fine di riuscire a contenere il problema, prima che la situazione sfuggisse di controllo.

Videocitofono wifi e video campanello: guida alla scelta

 Videocitofono wifi

Il videocitofono è un valido strumento, utile e comodo per vedere chi ha suonato alla nostra casa e non avere brutte sorprese dietro la porta; chi vive in una casa indipendente ne può trarre tutti i vantaggi, mentre chi vive in un contesto condominiale può montare il videocitofono nel caso in cui è stato unanimemente deliberato in un’assemblea condominiale. Tuttavia nulla vieta di montare anche in un contesto condominale – previa autorizzazione - un videocitofono wifi che occupa poco spazio ed è esteticamente discreto. Oltre al videocitofono wifi esistono anche i campanelli wi-fi, ma vediamo in cosa consistono, come funzionano e come sceglierli. 

APN Iliad: ecco come impostarli facilmente su dispositivi Android

In un mondo dove la telefonia ormai la fa da padrone è difficile rimanere fuori dal ‘mondo virtuale’ che tutti noi abbiamo ormai reincarnato in quello che è internet. Che siamo a casa, in ufficio o in giro per strada prendiamo tra le mani sistematicamente e continuamente il nostro smartphone tra le mani per le funzionalità più disparate: c’è chi controlla la mail per lavoro o per studio, c’è chi gioca da solo o contro altri, c’è chi accede su internet e chi ascolta ininterrottamente musica grazie ad applicazioni come Youtube.

Aggiornamento di WhatsApp: come fare senza perdere i dati

aggiornamento whatsapp

WhatsApp, come ogni applicazione presente all’interno del nostro smartphone ha bisogno di essere periodicamente aggiornata. Gli aggiornamenti sono necessari sia per il corretto funzionamento dell’app, sia per garantire la massima sicurezza dei vostri dati sensibili che, inevitabilmente contiene al vostro interno.

Come formattare un hard disk interno: ti spieghiamo la procedura completa

Formattare l’hard disk

Quasi tutti i dati sensibili appartenenti alla nostra persona e alla nostra vita privata sono salvati, prevalentemente, sul disco fisso del nostro PC oppure sull’SSD presente all’interno del computer.

I più condivisi

Email Marketing: che cos’è e quali sono i vantaggi

email-marketing.png

Stai pensando di avviare per la tua azienda un’attività di marketing diretto? In questo articolo approfondiamo l’Email Marketing e vediamo quali sono i vantaggi che riesce ad ottenere l’azienda utilizzando tale tecnica nella propria strategia di marketing

Come utilizzare i Social Network in sicurezza: alcune dritte

come-utilizzare-social-network-sicurezza.jpg

Nell’era di internet, sapere come utilizzare i Social Network in sicurezza è fondamentale per evitare truffe o eventuali problemi minori. Dal momento in cui i nostri cellulari sono diventati irrinunciabili, siamo abituati a svolgere tante azioni, come cercare informazioni, fare shopping online. L’uso che ne facciamo, però, è talvolta errato: non dimenticare mai di proteggerti sul web.

Programmi per creare loghi: una guida ai migliori tools

applicazioni videochiamate

Creare un marchio può non essere facile, per questo motivo esistono diversi programmi per creare loghi gratuiti o a pagamento che ti daranno un vantaggio sul tuo processo realizzazione.

Geocodifica massiva di indirizzi: che cos’è e perché è importante

geocodifica.jpg

Disporre di indirizzi e informazioni geografiche precise, al giorno d’oggi, è della massima importanza per qualunque business e attività. Basti pensare al successo di un programma come Google Maps, che grazie alla sua versione mobile e alle molteplici funzionalità offerte, viene utilizzato ormai da milioni di aziende e professionisti in tutto il mondo. In numerosi ambiti la geocodifica e quindi la possibilità di ricavare le coordinate geografiche a partire da un indirizzo si conferma come un fattore chiave per garantire servizi di qualità, risultando di gran lunga più competitivi sul mercato.

 

 

 

  

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina