Ormai non prendiamo in giro non c’è più vita senza internet. La nostra vita, sistematicamente, ruota intorno a quella che è la navigazione sul web che ci permette, indipendentemente da tutto, di giostrare la nostra vita: mediante internet, infatti, noi facciamo tutto. Per esempio ne usufruiamo per lavorare, per studiare (ormai tantissime università permettono di perseguire la laurea mediante studi e lezioni che si svolgono solo ed esclusivamente via etere), per metterci in contatto con gli altri e via discorrendo. 

Alla tirata dei conti, quindi accedere ad internet è indispensabile: ma vi siete mai chiesti come ciò accada? E qualcuno di voi si ricorda quando i primi cellulari necessitavano della configurazione APN per poter mandare e ricevere gli MMS?
Ma procediamo con ordine: un APN, acronimo di Access Point Network, è un punto di accesso che permette lo scambio dati, siano essi di qualsivoglia natura. Un punto d’accesso, in via più approfondita, è:

  • Una qualsivoglia rete internet alla quale ci si può connettere mediante dispositivo mobile;
  • Una configurazione necessaria alla connessione;
  • Nonché una particolare configurazione necessaria quando si decide di usufruire della connessione della propria compagnia mobile.

Proprio quest’ultimo punto, comunque, merita un piccolo approfondimento. Infatti tale configurazione è necessaria, nonché obbligatoria per connettersi ad internet, solo ed esclusivamente se come detto usufruiamo della connessione che ci viene fornita dal nostro operatore telefonico mobile. Essa infatti non è necessaria quando decidiamo di collegarci tramite router e quindi tramite la connessione di casa, per esempio.

Come configurare correttamente le impostazioni con questo operatore

Ogni operatore, come è giusto che sia, ha un proprio APN da dover settare e noi, quest’oggi, catalizziamo la nostra attenzione su Vodafone che ormai da anni risiede stabilmente nell’élite di quelle che sono le compagnie telefoniche e mobili.

Aprendo le impostazioni del proprio smartphone/tablet, per effettuare una corretta configurazione, bisogna accedere alle impostazioni di rete (ovviamente varia da sistema in sistema). In ogni caso, arrivati alla schermata che ci importa bisogna aggiungere:

  • vodafone.it per la stragrande maggioranza di dispositivi targati Android;
  • vodafone.it per tutti i dispositivi firmati Apple;
  • net se invece usufruiamo di un cellulare Blackberry.

Situazione analoga, ovviamente, per gli MMS. Entrati nell’apposito menu (direttamente dalle impostazioni dei messaggi) bisogna inserire mms.vodafone.it per tutti i cellulari, indipendentemente da marca e modello.

Come risolvere eventuali problemi

Non tutti, che sia chiaro, sono estremamente pratici da poter modificare tali parametri in modo corretto ma soprattutto autonomo. In questi casi niente allarmismi perché di soluzioni a riguardo ce ne sono veramente tantissime.

La prima, ovviamente, è quella di recarsi presso un centro Vodafone e richiedere l’ausilio necessario direttamente agli operatori presenti fisicamente e, se si è impossibiliti a muoversi, altrettanto utile risulta essere la chiamata al numero clienti Vodafone. Selezionando infatti il corretto ufficio si entra in contatto con una persona competente a riguardo capace di guidarci passo dopo passo nella nostra configurazione.

Altro supporto è quello che assicura internet: abbiamo infatti dinanzi a noi migliaia di strada che ci portano o al download, e quindi allo scaricamento, di appositi manuali in formato pdf quindi facilmente consultabili da qualsiasi dispositivo oppure tramite guide (siano esse di natura scritte o video).

In ogni caso, quindi, come abbiamo visto possiamo rivolvere i nostri problemi senza alcun problema. È pur vero che ormai tutti gli smartphone sono dotati di configurazione autonoma ipso facto è divenuto estremamente raro ‘ricorrere’ a queste operazioni.

Ormai internet è alla base di tutto: il web, il suo mondo, le sue informazioni, il suo tutto. Sono un insieme di cose che ci rendono dipendenti di un mondo che effettivamente non esiste ma del quale non riusciamo proprio a farne a meno. Avete infatti provato ad immaginare la vita di oggi senza internet?

I più condivisi

Videocitofono wi-fi e video campanello wi-fi: guida alla scelta

Il videocitofono è un valido strumento, utile e comodo per vedere chi ha suonato alla nostra casa e non avere brutte sorprese dietro la porta; chi vive in una casa indipendente ne può trarre tutti i vantaggi, mentre chi vive in un contesto condominiale può montare il videocitofono nel caso in cui è stato unanimemente deliberato in un’assemblea condominiale. Tuttavia nulla vieta di montare anche in un contesto condominale – previa autorizzazione - un videocitofono wi-fi che occupa poco spazio ed è esteticamente discreto. Oltre ai videocitofoni wi-fi esistono anche i campanelli wi-fi, ma vediamo in cosa consistono, come funzionano e come sceglierli. 

Leggi tutto...

Cavo di rete dritto o incrociato: differenze e come scegliere il cavo di rete

I cavi di rete o Ethernet per la connessione internet sembrano tutti identici, in realtà – a parte il connettore RJ45 comune a tutti che permette di collegare un dispositivo come stampante, scanner, NAS a un router, uno switch o un PC – i cavi di rete sono diversi tra loro e con funzioni diverse. Continua a leggere per saperne di più e riuscire a districarti letteralmente nel mondo dei cavi di rete. 

Leggi tutto...

Cronotermostati wi-fi: i migliori sul mercato (2019)

Il termostato o cronotermostato è un apparecchio che si installa per programmare l’accensione della propria caldaia e per regolarne i settaggi. Se i termostati non sono dati in dotazione dalla casa produttrice della caldaia perché il modello non lo prevede, è sempre possibile acquistarne uno compatibile e in commercio si trovano dei termostati o cronotermostati wi-fi molto pratici, facili da installare e utilizzare, compatibili con la maggior parte dei modelli in circolazione e gestibili persino tramite app del proprio smartphone che funziona da telecomando per regolare il cronotermostato. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Le offerte per la fibra di Fastweb: qui c’è tutto quello che devi sapere

Prima di esporvi le varie offerte di Fastweb, vediamo di capire cosa è davvero la fibra ottica e cosa cambia rispetto (per esempio) alla “semplice” linea ADSL. Materialmente la fibra ottica si presenta come un cavo composto da sottilissimi filamenti di fibra di vetro che sono trasparenti e fini come un capello (in verità possono essere anche di polimeri plastici avvolti da una guaina di gomma). 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Offerte Vodafone ADSL per casa, aziende e professionisti

Quale modo migliore di trascorrere le fredde serate invernali in arrivo se non navigando su Internet, magari vedendo un bel in streaming dal tablet, o messaggiando con qualche amico? Per farlo, però, occorre avere in casa una connessione veloce e stabile, che si tratti di ADSL o di Fibra.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Wi-Fi di Fastweb: perché sceglierlo?

Ormai sia da casa che dall’ufficio c’è la tendenza a connettersi con tecnologie wireless (senza fili). Il Wi-Fi, fa parte di queste tecnologie, e permette di connettere a internet, senza l’ausilio di fili, uno o più dispositivi che sia uno smartphone, un PC o un tablet. Anche se la connessione ethernet ha meno interferenze, risulta più scomoda perché molto più ingombrante, in quanto in una rete cablata ad ogni cavo corrisponde un dispositivo. Inoltre, in ethernet sarebbe particolarmente scomodo connettere gli smartphone.

Leggi tutto...