Dopo avervi parlato dell'opzione Prime, oggi vogliamo raccontarvi come funziona con il Reso Amazon. Se avete un acquisto su Amazon ma dopo aver ricevuto l’articolo, purtroppo, vi siete accorti che quello che avete ricevuto non è ciò che vi aspettavate, non c’è nessun problema, in quanto, potrete avvalervi del servizio Amazon resi che vi dà la possibilità di restituire al venditore l’articolo non conforme alle aspettative e ottenerne la sostituzione oppure addirittura il rimborso.

Che gli usi, i costumi e le consuetudini sociali di tutto il mondo si sono ribaltate negli ultimi anni è assolutamente fuor di dubbio. In ogni ambito della vita lo sviluppo tecnologico ha importato innumerevoli novità e il mondo degli acquisti è forse quello che ne ha beneficiato maggiormente. 

Basti pensare, ad esempio, a tutti quei servizi presenti sul web che permettono acquisti e vendite con un semplice click. Questo è principio basilare sul quale si poggia l’e-commerce ovvero l’insieme di compravendite che vengono effettuate mediante l’utilizzo del web. 

Su questa lunghezza d’onda ha preso campo, negli ultimi decenni, in maniera spropositata Amazon. Ma cosa è questo colosso del quale tutti noi parliamo e dal quale facciamo acquisti con una certa regolarità? 

La società Amazon nasce nel lontano 1994 e inizialmente si occupava semplicemente di offrire servizi nell’ambito letterario con la vendita di libri. Nei primi tre anni il marchio riuscì ad ottenere discreti risultati ma il primo utile effettivo si ebbe dopo cinque anni: fu un guadagno marginale ma dopo anni di sofferenze era pur sempre un risultato degno di nota. 

La caparbia e la costanza di Bezos, il fondatore, furono ampiamente ricompensati negli anni successivi: con l’avvento del web, e del mondo a portata di click, quello che ormai è diventato un vero e proprio colosso conobbe un’espansione tale da rendere Amazon tra le società più ricche e prolifiche di tutto il globo. Il fatturato del 2017, addirittura, si aggira intorno ai 177 miliardi di dollari: numeri da capogiro. 

In ogni caso, dopo il primo periodo prospero in terra Americana, il sito decise (giustamente) di espandere i propri magazzini in ogni dove, riuscendo a colmare la quasi totalità della terra: Italia, Francia, Germania, Spagna, Messico, Olanda, Canada, Giappone e quant’altro. Non vi è zona che non è fondamentalmente coperta. 

Qualità, quantità e professionalità: sono probabilmente i tre dogmi ‘sacri’ che hanno portato Amazon nell’élite del mondo del commercio. Le spedizioni, generalmente, avvengono il giorno successivo rispetto alla data dell’ordine e i corrieri mostrano sempre cortesia e disponibilità alla consegna.  

Ma cosa è possibile acquistare? Generalmente tutto quello che è possibile comprare lo si trova all’interno del sito. Da componenti elettronici, a prodotti per la cura della casa passando per prodotti per l’igiene intima. Alimentari, pezzi di ricambio per auto e moto, smartphone, tablet e quanto altro: tutto quello che cerchiamo a portata di click. 

Se avete un acquisto su Amazon ma dopo aver ricevuto l’articolo, purtroppo, vi siete accorti che quello che avete ricevuto non è ciò che vi aspettavate, non c’è nessun problema, in quanto, potrete avvalervi del servizio Amazon resi che vi dà la possibilità di restituire al venditore l’articolo non conforme alle aspettative e ottenerne la sostituzione oppure addirittura il rimborso. Solitamente è possibile restituire l’articolo comprato su Amazon, senza particolare specifica del motivo, sino a 30 giorni dalla data in cui è avvenuta la consegna. Ci sono però alcuni casi in cui questa tempistica si riduce oppure altri in cui non si può far valere proprio il diritto di recesso.

Vediamo, adesso, come funziona la procedura che riguarda il reso su Amazon per gli articoli acquistati direttamente presso il più grande servizio di vendite online.

Come si ottiene il rimborso dopo aver compiuto un Reso ad Amazon?

reso amazon

Come dicevamo la politica prevista da Amazon per i resi permette di rimandare indietro gli articoli acquistati, senza specificare il motivo, sino a 30 giorni dalla data di consegna.

Le spese di spedizione però saranno a proprio carico, a meno che non si provveda a restituire l’articolo entro 14 giorni; in questo caso Amazon si farà carico anche delle spese.

Per quanto concerne i rimborsi, essi vengono erogati sullo stesso metodo di pagamento usato per l’acquisto oppure attraverso l’emissione di buoni Amazon. Più precisamente il rimborso si può avere attraverso l’emissione del buono Amazon al momento della ricezione del prodotto da parte del corriere, oppure attraverso un accredito sulla propria carta di credito dopo 1 settimana circa dalla ricezione dell’articolo.

In alcuni casi si può richiedere un rimborso immediato, ad esempio se l’articolo che vuoi restituire prevede questa possibilità, si può ottenere il rimborso senza dover aspettare la consegna del prodotto ma, ovviamente, ci si dovrà impegnare a restituire il bene entro 30 giorni dall’avvenuta consegna altrimenti il rimborso verrà sottratto dall’account; infatti, di solito questa modalità funziona con l’accredito di un bonus.

Ovviamente è superfluo precisare che tutti i prodotti che si intende restituire devono essere mantenuti in perfette condizioni o, comunque, nelle stesse in cui sono stati recapitati.

Per esempio, nel caso in cui abbiate comprato un articolo nuovo, questo non può presentare danni, che non siano diversi da quelli presenti eventualmente al momento dell’avvenuta ricezione. Lo stesso vale per quanto concerne l’acquisto di un articolo usato: questo non deve avere segni di usura o difetti di alcun genere, se non quelli già presenti quando è stata effettuata la consegna.

Articoli per i quali non si può effettuare il reso

Come dicevamo, esistono determinati casi in cui proprio non è possibile chiedere il reso. In particolar modo si tratta di alcune categorie di articoli che si trovano in una lista esclusa dal programma di Amazon resi e che, quindi, non si possono restituire, tranne che questi non presentino un guasto o dei difetti. Questi articoli che non fanno parte del programma dei resi si possono riassumere in una lista:

  • Prodotti confezionati su misura o personalizzati a proprio gusto;
  • Articoli che hanno una data di scadenza breve o siano a rischio deterioramento;
  • Beni che presentano un sigillo che è stato aperto a seguito della consegna;
  • Bevande di natura alcolica, il cui prezzo è stato pattuito nel momento della conclusione del contratto della vendita e, la cui consegna, viene fatta soltanto dopo 30 giorni in quanto il valore reale dipende dalle fluttuazioni del mercato che Amazon non può controllare;
  • Software e prodotti audiovisivi che hanno la confezione aperta o priva di sigilli;
  • Contenuti digitali la cui esecuzione sia già stata avviata;
  • Giornali, periodici e/o riviste, eccezion fatta per i contratti di abbonamento che riguardano la fornitura degli stessi.

Ovviamente per qualsiasi eventualità e chiarimenti, è a disposizione degli utenti una pagina con le specifiche della propria politica dei resi.

Potrebbe interessarti

Copertura Linkem: come verificarla?

Spesso, fra le offerte Internet senza il telefono fisso si possono trovare alcune alternative molto interessanti a prezzi accessibili. A esempio il WiMax di Linkem è un’opzione che può risultare molto valida.

Leggi tutto...

Come configurare la Vodafone Station Revolution: ecco quali sono gli step

Se avete appena sottoscritto un’offerta Vodafone per l’ADSL di casa dovrete configurare, sicuramente, un nuovo modem. Per effettuare questa procedura è necessario impostare, tramite il pannello di controllo, determinati parametri propri della compagnia telefonica.

Leggi tutto...

Configurazione di un modem Tiscali

Se avete sottoscritto un contatto con il provider Tiscali dovrete sicuramente configurare il vostro nuovo modem per riuscire a navigare con la connessione di rete internet. Solitamente i dispositivi che vengono forniti alla sottoscrizione del contratto sono già pre-configurati per non creare problemi già dal primo utilizzo e avviarli in modo semplice e veloce appena vengono collegati.

Leggi tutto...

Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Immagine usata nell'articolo Modem Fastweb: ecco come fare per procedere nella sua configurazione

Se avete sottoscritto da poco tempo un abbonamento alla rete Fastweb sicuramente vi troverete davanti alla necessità di dover configurare il modem fornito da loro, per avviare la navigazione online.

Leggi tutto...

Come configurare un modem Infostrada

Se avete deciso di sottoscrivere un abbonamento con Infostrada per la navigazione in Internet dovrete configurare il vostro nuovo modem. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Articoli correlati

I più condivisi

I migliori hosting italiani: quale scegliere?

office-605503_1920.jpg

Parlare di internet al giorno d’oggi sembra una cosa che non faccia più effetto tanta è l’abitudine ormai di navigare all’interno della rete nella nostre giornate, per lavoro, a casa o nei momenti trascorso con gli amici. Questo mondo è qualcosa di estremamente affascinate e tutti ne sono attirati, dai più grandi ai più piccoli, tutti infatti possediamo un pc a casa, uno smartphone o un tablet con cui rimanere connessi praticamente all’istante con un click, parlando, videochiamando o sviluppando funzioni che fino a poco tempo fa sembravano irrealizzabili come acquistare qualcosa, pagare bollette e tanto altro ancora.

Leggi tutto...

Sap, l’azienda che ha rivoluzionato il mondo del lavoro

access point wi fi

Probabilmente non avrete mai sentito parlare di sap, un’azienda principalmente a stretto contatto con gli imprenditori e gestori di attività commerciali; essa infatti si occupa della progettazione e distribuzione di softwaregestionali per piccole e grandi aziende. Cos’è un software gestionale? 

Leggi tutto...

Non solo Telelavoro: da EOLO A TIM, le proposte degli operatori per l’intrattenimento sicuro

antivirus

Smart working...ma non solo. Gli operatori si adeguano all’impennata di streaming e virtual reality. Nell’ultimo periodo, visto anche il boom del telelavoro e delle video-lezioni a distanza, numerose sono state le offerte dei vari operatori di telecomunicazioni in termini di promozione e sicurezza degli utenti, sia per quanto riguarda le connessioni private che per quanto concerne gli accessi aziendali, tenendo anche conto dell’ampio utilizzo degli smartphone e dei dispositivi mobili in questo genere di attività.

Leggi tutto...